Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Cagli e Senigallia in lutto per la scomparsa di Maurizio Mancinelli. Il cordoglio del Foro di Pesaro

Il noto avvocato è mancato a causa di una brutta malattia con la quale combatteva da tempo. È stato sindaco di Cagli negli anni '80 e legale del Comune di Pesaro

Cagli
Cagli

CAGLI – Due comunità, quella di Cagli e di Senigallia, in lutto per la scomparsa dell’Avv. Maurizio Mancinelli. Il 72enne è mancato a causa di una brutta malattia con la quale combatteva da tempo. In queste ore in tantissimi lo stanno ricordando: Mancinelli, originario del senigalliese, non aveva mai perso i contatti con la sua città ma aveva ricoperto ruoli di primo piano nel pesarese: era stato sindaco di Cagli dal 1982 al 1983 ed aveva anche lavorato a lungo nell’ufficio legale del Comune di Pesaro.

L'Avv.Maurizio Mancinelli
L’Avv.Maurizio Mancinelli

A dare la notizia era stato lo stesso Comune di Cagli che aveva voluto esprimere tutto il suo cordoglio per la perdita di un uomo che è stato negli anni esempio di ‘grande cultura, intelligenza ed eleganza’.

«Carissimi concittadini,  purtroppo anche stasera ci ritroviamo qui per dare l’ultimo saluto ad una persona cara. Si tratta dell’avvocato Maurizio Mancinelli, che ci lascia dopo una lunga malattia. Già sindaco di Cagli negli anni ’80, è stato per lungo tempo dirigente al Comune di Pesaro, guadagnandosi la stima e l’ammirazione di quanti hanno avuto la fortuna di lavorare con lui e di conoscerlo.  Un uomo di grande cultura, intelligenza ed eleganza, che aveva sempre un sorriso per tutti. Alla sua famiglia porgiamo le nostre condoglianze ed esprimiamo il nostro cordoglio e vicinanza. Che la terra ti sia lieve, Maurizio».

Anche il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Pesaro lo ha voluto ricordare: «È purtroppo venuto a mancare il Collega Maurizio Mancinelli, uno dei più stimati ed apprezzati Avvocati del nostro Foro. Per tanti anni Responsabile dell’Ufficio Legale del Comune di Pesaro, rimane nel nostro ricordo non solo quale professionista di riconosciuta levatura – un punto di riferimento, soprattutto nel settore del diritto amministrativo – ma per l’umiltà, la disponibilità e lo spessore umano che gli erano propri.
Esprimiamo tutta la nostra vicinanza a Federica, Giacomo e Matteo ed alla moglie Mara».

Il 72enne lascia la moglie Mara, i figli Federica, Matteo e Giacomo ed  i nipoti Virginia, Giovanni e Azzurra. I funerali si terranno a Senigallia oggi, 26 novembre, alle ore 15 alla Chiesa del Duomo.