Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Arcevia, altri contributi per la ciclovia dei parchi e castelli

La perla dei monti sarà collegata con Sassoferrato, Genga, Cerreto d’Esi e Serra San Quirico grazie al progetto finanziato dalla Regione, ma potrà collegarsi anche con la vallesina e con la valcesano grazie a una nuova rete di infrastrutture

L'anello verde a Osimo, ciclovia, biciclette, piste ciclabili, mobilità sostenibile

ARCEVIA – Seconda tranche di contributi da parte della Regione Marche al progetto della ciclovia dei parchi e dei castelli. Lo scorso aprile infatti da palazzo Raffaello erano stati finanziati solo 45 mila euro mentre lo scorso 20 ottobre la giunta regionale ha fatto salire le risorse a disposizione di altri 127 mila, per un totale che supera i 172 mila euro. Soldi che interesseranno un territorio esteso tra l’alta valle del Misa e l’alta vallesina. 

La ciclovia dei parchi e dei castelli è infatti un progetto che unisce i comuni di Arcevia, Sassoferrato, Genga, Cerreto d’Esi e Serra San Quirico. Il cicloturista sarà portato a fare così un giro del parco regionale Gola della Rossa e di Frasassi e poi a collegarsi a sud con la Vallesina e con la sua rete di ciclabili oppure a nord/est con i futuri percorsi del Cesano e dell’area senigalliese e quindi con la ciclovia Adriatica.

La perla dei monti e tutta l’area montana sarà così molto più vicina a quelle realtà più turistiche come la spiaggia di velluto grazie a una nuova rete infrastrutturale oggetto di tante richieste da parte dei cicloturisti. Una novità dunque interessante per gli amanti delle due ruote e della mobilità lenta e sostenibile: potranno approfittare anche delle risorse che la stessa Regione ha stanziato per collegare i comuni da Mondolfo, Trecastelli, Corinaldo (che sta lavorando anche a un “Archeo-percorso” da poter effettuare in bicicletta, a piedi o a cavallo, tra storia, cultura e natura), San Lorenzo in Campo, Pergola e Serra Sant’Abbondio, rendendo comodo e piacevole fare il giro dei comuni interni dell’alta valle del Misa e Cesano.