Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Delfino spiaggiato sul lungomare nord di Senigallia

La carcassa era in avanzato stato di decomposizione, il che non ha permesso di stabilire la causa del decesso del cetaceo. Nelle settimane scorse era stato trovato un altro esemplare della stessa specie, a cui si aggiungono gli ormai innumerevoli rinvenimenti di tartarughe marine

Il delfino spiaggiato a Senigallia
Il delfino spiaggiato a Senigallia

SENIGALLIA – Ancora un delfino morto e spiaggiato a Senigallia. La carcassa è stata segnalata nella giornata di ieri da alcuni passanti all’Ufficio Locale Marittimo, il cui personale è intervenuto per i rilievi.

Il delfino spiaggiato, della specie tursiope, era sul bagnasciuga della riviera nord (lungomare Mameli) tra l’Acquapazza e l’hotel Galli: la carcassa era in avanzato stato di decomposizione.

Lungo circa 2 metri del peso stimato di oltre 150 chili, il delfino è stato poi prelevato dalla ditta incaricata dello smaltimento delle carcasse di animali rivenute sulla spiaggia di velluto.

Il delfino spiaggiato a Senigallia
Il delfino spiaggiato a Senigallia

Non è stato possibile risalire alla causa del decesso del cetaceo proprio a causa dello stato di decomposizione: probabilmente la morte risale a mesi fa ma solo con le mareggiate invernali, le correnti sono riuscite a smuovere la carcassa e a farla spiaggiare sulla riviera nord.

Sul tratto di lungomare sud senigalliese, nelle settimane scorse era stato trovato un altro esemplare della stessa specie, a cui si aggiungono gli ormai innumerevoli rinvenimenti di tartarughe marine della specie Caretta Caretta.