Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Andrea Storoni e Mauro Bedini eletti nel consiglio della Provincia

I due rappresentanti porteranno la voce dei comuni delle valli Misa-Nevola sui temi della viabilità, delle infrastrutture, dell'ambiente e dell'edilizia scolastica

Il palazzo della Provincia di Ancona
Il palazzo della Provincia di Ancona

SENIGALLIA – Oggi pomeriggio alle 17 si terrà nella sala consiliare della Provincia di Ancona la prima seduta dopo le elezioni di domenica 3 febbraio. Una seduta convocata dal presidente Cerioni per la convalida degli eletti. Tra i 12 nuovi consiglieri scelti dai 338 (sui 662 totali) sindaci e consiglieri comunali (corrispondenti a 61.416 voti ponderati), ci sono anche due rappresentanti della vallata del Misa e Nevola, Andrea Storoni e Mauro Bedini.

A complimentarsi con i neo eletti anche il Maurizio Mangialardi sindaco di Senigallia e presidente dell’Unione comunale “Le Terre della Marca Senone”: «Nel formulare le mie congratulazioni e i miei migliori auguri ad Andrea Storoni e Mauro Bedini, voglio esprimere la soddisfazione per la loro elezione nel consiglio provinciale di Ancona. Sono sicuro che entrambi sapranno costituire un efficace ponte tra le comunità delle valli del Misa e del Nevola e la Provincia di Ancona, da cui trarrà beneficio l’intero nostro territorio. Ma sono altrettanto certo che l’esperienza e le competenze dimostrate negli ultimi anni sia da Andrea come sindaco di Ostra, sia da Mauro come consigliere comunale di Senigallia, rappresenteranno anche un bagaglio politico e culturale importante a servizio dell’ente provinciale e, in particolare, del presidente Luigi Cerioni».

Il primo è l’elemento di continuità con il lavoro svolto dal collega di Serra de’ Conti Arduino Tassi nei quattro anni precedenti. Sindaco di Ostra appena 34enne, Andrea Storoni si è detto soddisfatto per essere riuscito a centrare l’obiettivo di entrare in consiglio provinciale: «La soddisfazione per l’incarico è pari al percorso che l’ha reso possibile, perché senza il lavoro di squadra della nostra vallata non sarebbe stato possibile. Ringrazio tutti per la fiducia e il sostegno».

Lo stesso ha poi annunciato il massimo impegno perché la Provincia possa essere come fatto in questi anni sempre al fianco dei comuni della vallata, a partire dai temi della viabilità e dell’edilizia scolastica, oltre che dell’ambiente e dello sviluppo economico. Settori importanti ma in cui spesso nei piccoli comuni non si riesce a intervenire adeguatamente.

Andrea Storoni
Andrea Storoni

Altro argomento di notevole importanza secondo Storoni è quel piano per la mappatura delle infrastrutture tecnologiche presenti nella vallata annunciato a marzo scorso: si tratta del progetto Sinfi per il censimento delle infrastrutture sopra e sotto il suolo, il primo passo per una mappatura che possa poi far ottimizzare soprattutto gli investimenti, ma anche i lavori, in materia di innovazione tecnologica e banda ultra larga. In poche parole, una sorta di catasto per la gestione ottimale degli interventi e la messa in posa della fibra ottica a cui hanno aderito tutti i nove comuni dell’area Misa-Nevola a prescindere che siano dentro l’unione dei comuni o fuori (come Castelleone di Suasa e Corinaldo).

L’altro eletto in consiglio provinciale è Mauro Bedini, già consigliere comunale a Senigallia nonché nel consiglio dell’Unione dei Comuni “Le Terre della Marca Senone”. Un incarico che lo rende praticamente un anello di congiunzione importante per la città tra i vari enti in cui è presente o coinvolta la spiaggia di velluto.

Mauro Bedini
Mauro Bedini

«Sono molto contento per il lavoro che abbiamo messo in campo che ci ha permesso di ottenere tre seggi – ha affermato Bedini, riferendosi alla lista Ancona Provincia Civica – e ora ci metteremo subito al lavoro sui temi dell’edilizia scolastica e della viabilità, sicuramente settori importanti per Senigallia e per la vallata. Oltre a Storoni, la mia sarà un’altra voce che potrà dare maggior peso in Provincia alle istanze delle valli del Misa e Nevola, perché le tematiche che interessano la spiaggia di velluto sono le stesse a livello provinciale che interessano i comuni dell’interno».