Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Ancora pioggia, allerta per il rischio idrogeologico sul senigalliese

Le abbondanti precipitazioni hanno causato l'innalzamento del fiume Misa: notte di controlli per la protezione civile, ma l'attenzione rimane anche per oggi, giovedì 30 maggio

In caso di piena del fiume Misa, a Senigallia, si accumulano sotto i ponti numerosi detriti che creano un vero e proprio ostacolo aumentando il rischio esondazione
In caso di piena del fiume Misa, a Senigallia, si accumulano sotto i ponti numerosi detriti che creano un vero e proprio ostacolo aumentando il rischio esondazione

SENIGALLIA – Notte di operatività per la Protezione civile comunale, riunitasi ieri sera a seguito delle abbondanti piogge che hanno caratterizzato tutta la regione e, in particolare, il nord e l’area Misa-Nevola. Proprio un’allerta della Regione Marche sull’innalzamento del livello del fiume Misa ha fatto sì che venisse aperta la sala operativa comunale per monitorare gli eventi.

Le piogge verificatesi nelle aree interne di Senigallia avevano causato l’innalzamento dei fiumi Misa, Nevola e Cesano, senza che raggiungessero i livelli di guardia. Verso la mezzanotte la conferma che i livelli erano in discesa (vd. FOTO) grazie all’attenuarsi dei fenomeni piovosi, senza che vi fosse alcuna criticità. Stamattina, infine, la chiusura della sala operativa – rimasta aperta tutta la notte per coordinare le operazioni di controllo sul territorio.

 

Sceso il livello del fiume Misa a Senigallia dopo le abbondanti piogge
Sceso il livello del fiume Misa a Senigallia dopo le abbondanti piogge

Controlli che saranno necessari però anche per tutta la giornata di giovedì 30 maggio, quando su tutto il territorio della regione sono annunciati piogge e temporali.

Motivo per cui la Protezione Civile delle Marche ha emesso una nuova allerta meteo per il rischio idrogeologico. Un’allerta gialla che tiene conto sia delle nuove precipitazioni che di quelle passate, segnalando infatti possibili allagamenti di strade per il fango che scende dalle colline, ma anche piccoli smottamenti o esondazioni di corsi d’acqua minori.