Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Da Senigallia ad Ancona la terza Regata per la Vita: soffia forte il vento della solidarietà

Domenica 29 agosto l'attesa manifestazione velica con partenza da Senigallia e arrivo a Marina Dorica dove si svolgeranno le premiazioni. Il ricavato sarà devoluto per progetti in ambito oncologico

La Regata per la Vita parte dal circolo nautico di Senigallia

Soffia forte il vento della solidarietà che spinge le vele verso la vittoria. Prende il largo lo spettacolo delle vele e delle maglie rosa che vireranno da Senigallia ad Ancona Marina Dorica per la terza edizione della “Regata per la Vita”, evento velico benefico organizzato in piena collaborazione dalla Clinica Oncologica degli Ospedali Riuniti di Ancona-Università Politecnica delle Marche, Marina Dorica di Ancona, Club Nautico di Senigallia, dall’armatore Alberto Rossi con la rete di associazioni di volontariato che operano in ambito oncologico delle Marche “Marcangola”, con la Lega Navale di Falconara Marittima, la FIV X Zona e la Fondazione Ospedali Riuniti di Ancona onlus.

L’appuntamento, imperdibile per gli amanti della vela e per chi vuol fare del bene seguendo la sua passione per il mare, è per domenica 29 agosto. Il ricavato della manifestazione sarà devoluto per progetti in ambito oncologico marchigiano a beneficio dei pazienti e delle associazioni.

Si salpa dallo specchio di mare antistante il porto di Senigallia alle 12 per poi veleggiare verso Ancona e arrivare a Marina Dorica nel primo pomeriggio, poi alle 18 la premiazione. È un’edizione molto attesa questa, dopo lo stop dello scorso anno a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid. La solidarietà ma anche la passione, in un concentrato di sentimenti che andranno a sostenere, attraverso il mare, chi è costretto ad affrontare i percorsi complessi e difficili della malattia oncologica.

La Dragon Boat

Tante sono le realtà che si presteranno per portare a termine questa gara tra molteplici equipaggi: solidarietà e sport insieme contro le patologie oncologiche. Il binomio negli anni precedenti è riuscito particolarmente bene ed ha portato a risultati molto importanti. Il ricavato delle iscrizioni, come detto, infatti sarà devoluto in beneficienza per la realizzazione di progetti in ambito oncologico marchigiano a beneficio dei pazienti e delle associazioni.

L’appuntamento per la partenza della regata è previsto dal Club Nautico di Senigallia alle ore 12 per concludersi nel pomeriggio ad Ancona: la giornata non termina però con l’arrivo delle imbarcazioni poiché alle 18 a Marina Dorica è prevista la premiazione dei vincitori e la Dragon Boat, la barca a remi sospinta dalle pazienti della Pink room della Clinica Oncologica degli Ospedali Riuniti di Ancona, sfilerà in concomitanza con la partenza delle altre.

Professoressa Rossana Berardi, direttore Clinica Oncologica

La presentazione della premiazione è affidata a Paolo Cori già speaker per l’American Cup, e si svolgerà alla presenza delle istituzioni, delle associazioni di volontariato, degli stessi pazienti, dei professionisti sanitari. Motore della manifestazione, la direttrice della Clinica Oncologica Rossana Berardi che anche quest’anno ha messo insieme appassionati, amatori, campioni quali Claudia e Alberto Rossi affinché, con passione e lungimiranza, potessero contribuire allo svolgimento e quindi al successo dell’appuntamento.
La regata ogni anno coinvolge infatti i professionisti sanitari, le istituzioni, il mondo del volontariato, cittadini comuni, gli stessi pazienti con le loro famiglie all’insegna di un principio che rappresenta la matrice di questa iniziativa e della sua riuscita: quel fare rete che per affrontare il percorso oncologico appare necessario in corsia come in questi contesti, con i partecipanti  pronti per una giornata in mare a far trionfare il cuore grande della solidarietà, indispensabile sia con il vento sulle onde sia in terraferma.