Frammenti di amianto rinvenuti sul fiume Cesano: autorità avvertite, ma senza riscontro

Ritrovamento grazie agli Amici della Foce del Fiume Cesano, ma le autorità non hanno ancora risposto dopo tre settimane dalla segnalazione

L'amianto rinvenuto sul fiume Cesano
L'amianto rinvenuto sul fiume Cesano

TRECASTELLI – Frammenti di amianto sono stati rinvenuti dall’associazione Amici della foce del fiume Cesano, sul letto del fiume che separa le province di Ancona e di Pesaro Urbino, tra Ponte Rio e Monterado. Il ritrovamento è avvenuto lo scorso giugno e immediatamente sono state allertate le autorità competenti. Dalle quali però non è giunta alcuna risposta né provvedimento.

Il 26 giugno è stata dunque segnalata la presenza dell’amianto sul fiume Cesano al presidente della Provincia di Ancona Liana Serrani e al sindaco di Trecastelli Faustino Conigli, ma dall’associazione sono ancora in attesa di conoscere quali provvedimenti siano stati presi a circa tre settimane dal rilevamento.

Una presenza non nuova quella di frammenti e lastre di amianto lungo il fiume Cesano. Nel territorio locale (così come in tutta Italia) si è fatto un uso massiccio di questo materiale molto resistente, quasi indistruttibile (e quindi eterno, da qui il nome commerciale di “eternit”).

Coscienza civile e tutela ambientale dunque devono essere ancora rafforzate nella popolazione: non sono mancati negli anni vari episodi di abbandono di materiali pericolosi come l’amianto e inquinanti lungo le sponde del fiume. Dall’associazione comunque sperano che gli interventi siano più rapidi e che gli abbandoni sempre meno frequenti.