Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Ambiente, mobilità e sviluppo sostenibile: le sfide del Gsa ai candidati a sindaco di Senigallia

Il Gruppo società e ambiente chiede un impegno diretto su alcuni temi il verde, il trasporto pubblico, la raccolta differenziata, l'inquinamento, la spiaggia e il fiume

Verde urbano: il parco alla Cesanella di Senigallia
Verde urbano: il parco alla Cesanella di Senigallia

SENIGALLIA – Verde urbano, inquinamento, ambiente, raccolta differenziata, urbanistica, mobilità sostenibile e partecipazione. Sono questi i temi che il Gruppo Società e Ambiente (Gsa) tratta tramite alcune domande rivolte ai candidati a sindaco di Senigallia.

Un intervento voluto proprio perché in vista delle elezioni comunali: solo per la spiaggia di velluto sono candidati sette potenziali primi cittadini e centinaia di volenterosi consiglieri comunali. Proprio a chi si candida a ricoprire un ruolo pubblico, il Gsa di Senigallia chiede un mirato impegno per la tutela dell’ambiente e dei cittadini. E un confronto.

Gli strumenti per gestire il verde pubblico, quelli per monitorare l’inquinamento atmosferico, la verifica reale ed effettiva dell’applicazione del regolamento del verde, il coinvolgimento non solo formale delle associazioni naturalistiche locali per la gestione delle aree verdi cittadine: questi sono solo alcuni degli spunti ma anche delle richieste indirette rivolte ai candidati a sindaco di Senigallia.

Ma il Gsa va oltre, chiedendo a chi si prefigge di governare la città anche in materia di urbanistica di prendere posizione su alcuni temi che hanno tenutobanco nei mesi scorsi: tra i punti citati ci sono il progetto di edilizia sociale in via delle Mimose che già ha sollevato dei dubbi; la revisione del piano sul traffico urbano, i progetti di mobilità sostenibile, l’utilizzo dei mezzi pubblici e l’arretramento della linea ferroviaria, fino al futuro destino della prestigiosa Villa Mastai de Bellegarde o alla possibile valorizzazione delle ex cave di San Gaudenzio.

In una città di mare non potevano mancare riferimenti alla spiaggia e ai suoi corsi d’acqua: Quale ulteriore sviluppo di tutela prevede sulle spiagge di Senigallia per l’ecosistema dunale? chiede il Gsa. E poi: Quali azioni pratiche e concrete prevede per risolvere l’annoso problema dei residui di plastica in mare e sulle spiagge derivanti dalle reti impiegate per la mitilicoltura? Che cosa intende fare per salvaguardare il cosiddetto ultimo kilometro del fiume Misa?