Centro Pagina - cronaca e attualità

Senigallia

Al via il progetto “Difesa legittima sicura”

È partito da Senigallia il progetto contro la violenza sulle donne. L'iniziativa sarà diffusa a livello nazionale e conta di formare presto una rete in ogni città d'Italia

Foto di gruppo alla presentazione del progetto Difesa legittima sicura
Foto di gruppo alla presentazione del progetto Difesa legittima sicura

SENIGALLIA- È stato presentato questa mattina, nel palazzetto di via Campo Boario, il progetto “Difesa Legittima Sicura” nato per assistere le donne vittime di violenza. L’iniziativa mette in rete avvocati penalisti, psicologi, medici, legali, palestre di arti marziali: già operativo il sito del progetto: www.difesalegittimasicura.it.

«Si tratta di un progetto e non di un’associazione – spiega Roberto Paradisi, legale ed ideatore del progetto – Il nostro obiettivo e quello di formare una rete di professionisti su cui le donne che hanno subito una violenza, possono appoggiarsi. Potranno contare su un primo approccio legale, psicologico ed anche un corso di difesa personale, il tutto gratuito. Per chi sceglierà di procedere per vie legali, i professionisti che aderiranno al progetto lo faranno con l’impegno di applicare tariffe minime».

Ragazzi-Morico-Mangialardi

Presenti questa mattina il sindaco Maurizio Mangialardi, gli avvocati Roberto Paradisi e Matteo Giambartolomei, le campionesse Lucia Morico e Linda Ragazzi, la presidente del consiglio delle donne Michela Gambelli e l’assessore alle pari opportunità Ilaria Ramazzotti. «Sono orgoglioso che questo progetto parta da Senigallia – ha spiegato il sindaco – La nostra città si è sempre messa davanti ed ha avviato numerose iniziative sul tema della violenza sulle donne. Voglio complimentarmi con quanti hanno già preso parte a questo progetto e con i tanti che lo faranno in futuro».

L’obiettivo è quello di formare una rete di professionisti in ogni città d’Italia. Dopo la presentazione, molti dei partecipanti, si sono cimentati in una lezione di difesa personale con le campionesse.