Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Urbino, chiude l’ufficio postale nel pomeriggio. Cgil e Cisl: «Aree interne penalizzate»

Il presidio di via Bramante effettuerà il servizio solo di mattina. La preoccupazione di Piccinno e Foglietta e il loro appello ai primi cittadini della zona: «I sindaci chiedano che non sia definitivo»

Poste Italiane
Poste Italiane

URBINO – Ufficio postale aperto solo al mattino, i sindacati parlano della “penalizzazione” per le aree interne. Irmo Foglietta e Leonardo Piccinno di Cgil e Cisl non ci stanno: «Abbiamo appreso che da lunedì 29 marzo 2021, l’ufficio postale centrale di via Bramante di Urbino ridurrà la operatività al solo turno antimeridiano. Esprimiamo disappunto per tale scelta perché anche in un periodo di emergenza come quello che stiamo vivendo, le oggettive difficoltà del sistema organizzativo della società, a seguito della morbilità del personale, dovrebbero essere contemperate con l’esigenza di non sguarnire i servizi all’utenza».
E proseguono: «Le scelte già operate in passato dalla società Poste Italiane avevano limitato l’apertura pomeridiana a soli 4 uffici in tutta la provincia: due su Pesaro, uno su Fano e Urbino, rispettivamente.
Con la nuova decisione, si torna a penalizzare ulteriormente le aree interne, quelle strutturalmente più deboli, in termini di copertura dei servizi primari».

Per i sindacati «Chiudere il turno pomeridiano di Urbino, significa aumentare disagi alle persone ed alle attività economiche e discriminare la città capoluogo della provincia che è il punto di coagulo di una vasta area del territorio, oltre a sminuire il ruolo sociale di cui l’azienda continua a vantarsi. Chiediamo con forza alla direzione provinciale di Poste Italiane SpA, di non trasformare la sospensione, in un provvedimento definitivo, a nostro avviso, influenzato al momento solo da organici insufficienti; problema, ripetutamente denunciato già dalle federazioni di categoria di Cisl e Cgil, maggiormente rappresentative nel contesto aziendale». E poi l’appello ai primi cittadini del territorio.
«Invitiamo, inoltre, il sindaco di Urbino e gli altri sindaci dei comuni che gravitano intorno al comprensorio degli uffici postali della città ducale, ad intervenire per evitare che questa decisione si trasformi in definitiva occasione di aggravio dei già pesanti disagi vissuti dalle popolazioni e dalle attività economiche delle aree interne».