Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Turismo dei borghi e prodotti del territorio, Confcommercio scommette su Pesaro e le Marche

Il direttore Amerigo Varotti ha lanciato la 37° iniziativa dei week end gastronomici: «I visitatori cercheranno i nostri borghi e i nostri piatti»

PESARO – Il modello Marche. Un turismo votato alla riscoperta dei piccoli borghi, delle tradizioni e dell’enogastronomia. Prodotti come tartufi, funghi, abbinati ai vini locali sono un passpartout per richiamare visitatori.

Ne è convinto il direttore della Confcommercio Pesaro Urbino Amerigo Varotti che ha presentato la 37° edizione dei Week End Gastronomici d’Autunno.

Amerigo Varotti, direttore Confcommercio

«Penso che il modello di turismo del dopo covid vada nella direzione di valorizzare i piccoli borghi e credo che anche nel 2021 i mercati internazionali potranno apprezzare la nostra offerta. Sono sicuro che le Marche avranno un soprassalto di orgoglio, una regione unica in cui potranno arrivare sempre più visitatori incantati dalle nostre colline, spiagge e paesi. E ovviamente dal nostro cibo e modo di vivere. Infatti sta funzionando l’Itinerario della bellezza Confoncommercio. Un percorso a caccia di rocche, musei in un perfetto mix tra mare e entroterra. Un viaggio che unisce Cagli, Colli al Metauro, Fano, Fossombrone, Gabicce Mare, Gradara, Mondavio, Pergola, Pesaro, Terre Roveresche, Sant’Angelo in Vado e Urbino. Abbiamo lavorato attraverso il web e agenzie turistiche e per l’autunno abbiamo diversi gruppi prenotati».

L’autunno è tutto da decifrare. «Dobbiamo aspettare le prossime settimane per capire anche come le fiere del tartufo potranno svolgersi e attrarre turisti. Ma sono fiducioso per il 2021 perchè ci sono già prenotazioni per capodanno e Natale».

Ecco allora i weekend gastronomici, la formula che unisce i menu tipici a prezzi promozionali da 19 a 22 euro con piatti anche al tartufo.

L’edizione autunnale di quest’anno dal significativo sottotitolo “Itinerari nell’entroterra della Provincia”, propone ben 54  ristoranti. Sono interessate  32 località, per ognuna delle quali la Confcommercio fornisce, seppur in maniera sintetica, informazioni e suggerimenti su monumenti, chiese, paesaggi da ammirare. Un invito a conoscere la provincia di Pesaro e Urbino dal punto di vista del territorio e della cucina.

La presentazione dei weekend gastronomici

«La ristorazione, come il turismo, sono espressioni di un mondo imprenditoriale in crescita ed espansione – ha aggiunto Varotti – certo di difficile sopravvivenza, dopo la chiusura determinata dal covid-19, ma se in questo paese e in questa Regione la crisi che ha colpito duramente il settore industriale ed edilizio non è deflagrata in “povertà di massa” lo si deve alla crescita del settore terziario e del turismo (oltre alla tenuta e crescita di pochissime realtà produttive)».

Tagliatelle al tartufo

Il presidente di Confcommercio Angelo Serra e il presidente dei ristoratori Confcommercio Mario Di Remigio hanno sottolineato che «In questo 2020 l’obiettivo è più che mai valorizzare la ristorazione, promuovere l’uso dei prodotti del territorio, riscoprire i piatti e ricette della tradizione. Vogliamo difendere la ristorazione aggredita dall’abusivismo e dal fast food e, purtroppo oggi, dalle preoccupazioni per il mostro invisibile».

Il depliant con tutti i menu e le proposte è disponibile in versione cartacea ma anche on line.

L’iniziativa è sostenuta da Riviera Banca, il Gruppo Hera e gli Enti Bilaterali provinciali del Turismo e del Commercio oltre alla Camera di Commercio delle Marche che ha dato il Patrocinio.