Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Sciopero in Biesse, Fiom, Fim e Uilm: «Azienda sorda alle richieste dei lavoratori»

Le sigle sindacali: «Chiedono straordinari e sacrifici ma non ascoltano le nostre esigenze»

Il Biesse Group Pesaro Campus

PESARO – I lavoratori e le lavoratrici di Biesse spa hanno scioperato per l’intera giornata.

Cgil, Cisl e Uil fanno sapere che la protesta è dovuta «all’atteggiamento messo in atto ormai da diverso tempo dall’azienda di trascurare il benessere dei propri dipendenti, manifestando scarso interesse nei loro confronti rispetto a come si era abituati in passato in un’azienda di questo calibro. Ad esempio, alcuni temi caldi sono il tentativo di derogare l’integrativo aziendale, in particolare il punto 9 (calendario ferie), il microclima, le divise da lavoro, gli spazi produttivi sempre più stretti a causa dell’aumento dei magazzini che costringono gli operai a lavorare cercando di non mettere a rischio la propria salute e quella dei colleghi: argomenti discussi più volte al tavolo da Fiom, Fim, Uilm provinciali, che però hanno trovato dall’altra parte una rappresentanza aziendale sorda alle richieste portate dai tre sindacati metalmeccanici a nome dei dipendenti di Biesse spa».

Le sigle continuano: «In questo periodo estremamente complicato per tutti, dove le aziende come Biesse spa, ma non solo, hanno chiesto e stanno chiedendo ogni giorno sacrifici ai lavoratori, con straordinari e turni anche notturni pur di recuperare i fermi produttivi ci si aspettava un atteggiamento differente da quello messo in campo dall’azienda, la quale anziché gestire “ai piani alti” gli effetti della pandemia e della congiuntura economica mondiale sta cercando, come molte altre aziende, di scaricare le difficoltà e le incertezze sui lavoratori. Per tutti i motivi sopra elencati la RSU, le OOSS hanno ritenuto doveroso proclamare sciopero per cercare di riportare al centro delle politiche aziendali il bene dei lavoratori e delle lavoratrici, considerati ultimamente troppo spesso come un costo e non come una risorsa che ha permesso a Biesse di diventare una delle aziende leader nel settore a livello mondiale».