Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Qualità della vita, Pesaro al 49° posto per Italia Oggi: male la sanità

Secondo l'analisi del giornale la città soffre dal punto di vista sanitario per carenza di posti letto e apparecchiature. Va meglio per ambiente e istruzione

La Sfera di Pomodoro di Pesaro

PESARO – Qualità della vita, Italia Oggi posiziona Pesaro a metà classifica, ma l’indice più negativo riguarda la sanità. E il dibattito sull’ospedale nuovo non a caso è diventato centrare in questo momento.

La provincia di Pesaro si piazza al 49° posto contro il 51° dell’anno precedente nella classifica di Italia Oggi.

Il comparto salute è quello dove Pesaro arranca: è all’80° posto: 70° posto per i posti letto nei reparti specialistici, 84° per le apparecchiature diagnostiche, 99° per posti letto in ostetricia e ginecologia, 69° in cardiologia e un 96° per i posti in terapia intensiva. Va meglio per i posti in oncologia grazie alla struttura di Muraglia che porta Pesaro al 10° posto.

Poi il focus sull’economia. Il comparto “Affari e Lavoro” vede per il territorio pesarese un miglioramento dal 63° al 47° posto. Il numero di aziende registrate per 1000 abitanti conferma che il territorio ha comunque uno spirito di impresa: 27°. Il reddito e la ricchezza vede Pesaro a un 56° posto. I pesaresi possono contare su un reddito medio di 19.515 euro pro capite.

In miglioramento il capitolo ambiente con un balzo dal 79° al 43° posto anche se spicca il dato negativo sulla raccolta rifiuti per abitanti. Pesaro è al 105° posto con 757 kg di rifiuti annui prodotti da ogni abitante. Va meglio con le piste ciclabili, al 32° posto e le aree pedonali (20° posto).

Quanto alla sicurezza il territorio è al 37° posto e perde dieci posizioni. Nel traffico di stupefacenti è al 34° posto. Quanto ai furti in appartamento 45° posto.

La sicurezza sociale vede Pesaro all’81° posto rispetto al 33° dello scorso anno. A penalizzare il territorio è il tasso di variazione della mortalità rispetto al quinquennio precedente e Pesaro è al 103° posto: a incidere ovviamente il covid.

Altro capitolo, istruzione e formazione con la provincia al 40° posto. Un territorio al 32° per quanto riguarda le persone in possesso della laurea.
Bene il tempo libero con un 18° posto grazie alle strutture dedicate al turismo, ristoranti, alberghi, bar, palestre e librerie.