Pesaro

La stagione di prosa porterà a Pesaro Stefano Accorsi, Vanessa Incontrada, Sergio Muniz

Presentati i 32 appuntamenti, ecco tutti gli spettacoli e gli attori per il teatro Rossini e lo Sperimentale

Stefano Accorsi. Credits Jarno lotti

PESARO – Una nuova e corposa stagione di prosa con 32 appuntamenti per i teatri di Pesaro, Capitale Italiana della Cultura 2024 main partner Gruppo Hera, da ottobre 2022 ad aprile 2023 nata su iniziativa del Comune di Pesaro con l’AMAT e con il contributo di Regione Marche e Ministero della Cultura.

L’inaugurazione del cartellone, in scena al Teatro Sperimentale prima e al Teatro Rossini appena completati i lavori di manutenzione, è affidata dal 13 al 16 ottobre a Edificio 3. Storia di un intento assurdo del Piccolo Teatro di Milano –Teatro d’Europa con Carnezzeria e Timbre 4, una commedia diretta da Claudio Tolcachir, acclamato drammaturgo e regista argentino che in Italia ha trovato una vera e propria seconda patria. Lo spettacolo, osannato dalla critica al debutto della scorsa stagione, racconta – grazie alla sapiente interpretazione di Rosario Lisma, Valentina Picello, Giorgia Senesi, Stella Piccioni, Emanuele Turetta – di cinque personaggi, che condividono lo spazio ristretto di un ufficio, le loro vicende personali vi si intrecciano, con momenti di commozione, effetti grotteschi e di comicità.

Dal 24 al 27 novembre è la volta di Settanta volte sette di Controcanto Collettivo, spettacolo vincitore de I Teatri del Sacro 2019 che affronta il tema del perdono e della sua possibilità nelle relazioni umane in riferimento alla vita di due famiglie i cui destini s’incrociano. La pièce racconta anche la possibilità che il dolore inflitto e il dolore subito parlino una lingua comune e che l’empatia non sia solo un’iperbole astratta. Ideazione e regia di Settanta volte sette sono di Clara Sancricca, in scena con Federico Cianciaruso, Riccardo Finocchio, Martina Giovanetti, Andrea Mammarella ed Emanuele Pilonero.

Una volta nella vita (Once) della Compagnia della Rancia – musiche e liriche di Glen Hansard & Markéta Irglová, regia di Mauro Simonedall’8 all’11 dicembre è molto più di una storia d’amore, è il racconto di vite vissute in un vortice continuo, tra sogni, speranze e vita reale, è un’emozionante storia di coraggio e perseveranza attraverso il linguaggio universale della musica con Luca Gaudiano e Jessica Lorusso.Tratto dall’omonimo film del 2006 scritto e diretto da John Carney, vincitore del Premio Oscar per la Miglior Canzone con Falling Slowly, Once diventa uno spettacolo musicale nel 2011, ottenendo fin da subito un grande successo.

Gabriele Pignotta nell’attuale e acutissima commedia Scusa sono in riunione… ti posso richiamare? in scena dal 19 al 22 gennaio accanto a Vanessa Incontrada dipinge il ritratto della sua generazione, quella dei quarantenni di oggi, abbastanza cresciuta da poter vivere inseguendo il successo e la carriera ma non abbastanza adulta da poter smettere di ridere e ironizzare su se stessa.

Vanessa Incontrada. Credits Renzo Daneluzzi

Uno spettacolo sospeso fra sogno e semplicità, amicizia, ironia, fragilità, passione, tifo, musica e colori. Stefano Accorsi giunge a Pesaro dal 9 al 12 febbraio con Azul – Gioia, Furia, Fede y Eterno Amor, spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca. In una città in cui il gioco del pallone è febbre, amore e passione, quattro amici fanno i conti con le loro rispettive vite e, facendo affiorare ricordi, provano a ricostruire una serenità andata a pezzi. Una storia coinvolgente di gente semplice, unita da un’amicizia inossidabile che li aiuta ad affrontare la vita stringendosi in un abbraccio delirante e commovente.

Pubblicato nel 1975 e adattato per il cinema nel 1977, La vita davanti a sé di Romain Gary è la storia di Momò, bimbo arabo di dieci anni che vive nel quartiere multietnico di Belleville nella pensione di Madame Rosa. Un romanzo commovente e ancora attualissimo, che racconta di vite sgangherate e di un’improbabile storia d’amore toccata dalla grazia. Silvio Orlando, dal 9 al 12 marzo in veste di interprete e regista, conduce lo spettatore dentro le pagine del libro con leggerezza e ironia dando vita a un autentico capolavoro “per tutti” dove la commozione e il divertimento si inseguono senza respiro, con la musica dal vivo eseguita dall’Ensemble dell’Orchestra Terra Madre.

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Francesca Nunzi, Diego Ruiz, Sergio Muniz e Maria Lauria sono i protagonisti dal 23 al 26 marzo della commedia Cuori scatenati, al quarto anno di repliche acclamate dal pubblico, scritta e diretta da Diego Ruiz. Il ritorno di fiamma, si sa, può essere molto pericoloso. Quando il fuoco della passione si accende tra Diego e Francesca, le scintille divampano in maniera esagerata. Se poi a spegnere l’incendio ci si mette uno come Sergio Muniz, la situazione diventa veramente incontrollabile. Diego Ruiz, esperto nel mettere in scena i rapporti di coppia e le sue innumerevoli sfaccettature, affronta qui gli amori ormai finiti che in realtà non finiscono mai.

La stagione di prosa si avvia alla conclusione dal 20 al 23 aprile con Le ferite del vento di Juan Carlos Rubio, con Cochi Ponzoni e Matteo Taranto, regia di Alessio Pizzech. Il giovane Davide, alla morte del padre Raffaele si ritrova a dover sistemare le sue cose e viene a conoscenza di un segreto che mai avrebbe potuto immaginare. Un racconto intenso, fatto di emozioni, Le ferite del vento riporta in superficie temi archetipici e li restituisce con un linguaggio vicino alla quotidianità capace di svelare la poesia delle piccole cose e riconsegna intatta allo spettatore l’originaria forza del teatro.

Rinnovo abbonamenti dal 14 al 29 settembre, nuovi abbonamenti dal 1 ottobre presso biglietteria Teatro Sperimentale 0721 387548. Informazioni www.teatridipesaro.it, AMAT 071 2072439, www.amatmarche.net.

Inizio spettacoli feriali ore 21, sabato ore 19, domenica ore 17.

Ti potrebbero interessare

In scena al Gentile di Fabriano, La scuola delle mogli di Moliere

Interpretato e diretto dalla sapiente regia di Arturo Cirillo, in scena al fianco di Valentina Picello, Rosario Giglio, Marta Pizzigallo, Giacomo Vigentini, e prodotto da Marche Teatro, Teatro dell’Elfo e Teatro Stabile di Napoli. Lo spettacolo questa sera alle 21