Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

A Pesaro il primo bike sharing con pedalata assistita delle Marche

Cinquanta bici pronte per il noleggio tramite app. Morotti: «Un’innovazione che cambia la mobilità urbana»

L'e-bike arrivate a Pesaro

PESARO – A Pesaro il primo bike sharing con pedalata assistita delle Marche. Sono arrivate le e-bike firmate RideMovi Spa, azienda italiana leader nella micro-mobilità Europea.

Le nuove RideMovi e-Bike sono ancora più brillanti rispetto ai mezzi presenti ad oggi sul mercato. Le numerose innovazioni brevettate la rendono unica e di qualità superiore nel mondo del bike sharing, anche grazie al design compatto e futuristico. Sono tecnologiche con GPS e tecnologia IoT (Internet of Things); hanno una autonomia di due o tre giorni di utilizzo pari a 70 km; un motore smart e potente con velocità massima di 25 km/h; un supporto per il cellulare che permette di navigare e arrivare facilmente a destinazione. 

Dettagli sull’utilizzo.
Le biciclette possono essere utilizzate con la stessa App, sia per la e-Bike che per le biciclette tradizionali, passando da una mappa all’altra a seconda del modello che si vuole utilizzare. Le e-bike non sono dotate di un lucchetto elettronico.  

Ecco come fare: basta scaricare l’app RideMovi, andare alla schermata e-Bike dell’app e scansionare il codice QR sul mezzo. Si può parcheggiare la e-Bike liberamente in modo responsabile o nelle apposite aree visibili nella mappa seguendo le istruzioni dell’app.   

L’area operativa è evidenziata nella mappa nell’App, è possibile l’utilizzo fuori dall’area operativa, ma è necessario parcheggiare sempre nelle apposite aree seguendo le istruzioni al momento della chiusura della corsa. 

Tariffa e area operativa. La tariffa dell’e-bike è di 0.20 euro al minuto. Sono disponibili pacchetti con corse e/o minuti scontati, che possono essere acquistati direttamente nell’App alla pagina “Il Mio Portafoglio”. Il costo della bici muscolare, invece, è di 1€ per 20 minuti. 

La RideMovi Community. Il servizio RideMovi è presente in 12 città in Italia e città in Spagna con 30.000 mezzi, 1.5 milioni di utenti che hanno pedalato per quasi 20 milioni di km in poco più di 2 anni risparmiando tonnellate di CO2.  

«Circa 50 biciclette a pedalata assistita – spiega il sindaco Matteo Ricci -, dotate di un motore elettrico che aiuta la pedalata senza però eliminarla. Qualche anno fa Pesaro è stata una delle prime città italiane a collaborare con Mobike (RideMovi Spa da gennaio ha rilevato il servizio di Mobike per l’Italia e la Spagna, ndr). Ci tenevamo molto a questo innesto della bicicletta elettrica – continua il sindaco -, il suo avvento, come quello dei monopattini, cambierà ulteriormente la mobilità urbana. In questo modo le biciclette potranno essere utilizzate anche da chi ha più difficoltà. Un’innovazione importante, che rafforza ancora di più la tendenza che ci rende “Città della bicicletta”. Siamo all’avvio della stagione, speriamo possa essere una bella estate di ripartenza».  

Pesaro capofila, è infatti la prima città della costa marchigiana a dotarsi di questo servizio. «Biciclette a pedalata assistita, ma anche muscolare – spiega l’assessore alla Sostenibilità Heidi Morotti – per un totale di circa 130 biciclette. In questo modo, ad un costo accessibile, riusciamo a fornire un ulteriore servizio a pesaresi e turisti. Chiunque, anche il ciclista meno allenato, potrà utilizzarle facilmente».  

Per ulteriori informazioni visitare il sito https://www.ridemovi.com/it/