Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Prefettura di Pesaro: «Controlli serrati nelle zone di confine con Ancona»

La crescita di contagi nelle zone limitrofe alla provincia di Pesaro impone una ulteriore stretta negli spostamenti

La prefettura di Pesaro

PESARO – Incremento di contagi in provincia di Ancona e nelle regioni limitrofe, la Prefettura intensifica i controlli nelle zone di confine.

Nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la Sicurezza pubblica, allargato alla partecipazione delle Autorità sanitarie, del Dirigente dell’Ufficio Scolastico provinciale e di tutte le Amministrazioni comunali della provincia, è stato fatto un punto della situazione sull’andamento dell’epidemia nella provincia di Pesaro, sulla campagna di vaccinazione in corso e sull’andamento dell’attività didattica in presenza nelle scuole.

Nel corso del comitato è stata condivisa la preoccupazione per l’incremento dei numeri del contagio in provincia di Ancona e nelle regioni limitrofe per la sua possibile estensione nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino.

Si è convenuto quindi sulla necessità di una ulteriore intensificazione dell’attività di controllo da parte delle Forze di Polizia e delle Polizie Locali, circa il rispetto delle misure di contenimento da parte dei cittadini e delle attività commerciali, con un approccio sempre più rigoroso. Massima attenzione sarà assicurata anche nelle aree di confine con le regioni vicine e con la provincia di Ancona.

All’azione di controllo forniranno, come di consueto, il loro contributo anche la Capitaneria di Porto e il Gruppo Ispettivo sui luoghi di lavoro, coordinato dall’Ispettorato del Lavoro e formato anche dal Nucleo Ispettivo dell’Arma dei Carabinieri, dall’ASUR  e dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

Nel corso del Comitato, sono stati rinnovati, in considerazione dell’incremento dei casi positivi e della crescente pressione del contagio sulle strutture sanitarie, gli appelli alla popolazione ai fini della più rigorosa osservanza delle misure di prevenzione del contagio.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria ad oggi, le violazioni contestate per le violazioni alla normativa anti-covid comminate in questa provincia ammontano a 2.589