Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Il porto di Fano nuova casa dei superyacht? La proposta di Wider: un polo innovativo con 400 nuovi posti di lavoro

La Wider ha illustrato come superare le criticità che la maggioranza nell'ultima seduta del consiglio comunale ha manifestato. Fano scelta preferenziale: dipenderà dalle tempistiche

Fano nuova casa dei superyachts? Il progetto di WIDER
La proposta di Wider per dare vita ad un cantiere di superyacht

FANO – Non solo un cantiere per costruire i superyacht destinati ai mari di tutti il mondo. Il nuovo centro, pensato da Wider all’interno dell’area del Porto di Fano, sarà negli intenti un vero e proprio polo di innovazione dal quale, oltre alle future imbarcazioni, vedranno la luce tecnologie e start-up.

Nella giornata del 10 gennaio Fabio Fraternale e Marcello Maggi, i due imprenditori della Wider, hanno presentato durante una conferenza stampa la loro ambiziosa visione cercando di dissipare la nebbia dei dubbi che sono stati manifestati recentemente all’interno della maggioranza nell’ultima seduta del consiglio comunale. Due le criticità evidenziate: l’altezza egli edifici industriali, affinché possano essere utili per poter produrre gli yacht della società e, dall’altro, la situazione dello specchio acqueo che possa consentire alle imbarcazioni prodotte di poter uscire dal porto di Fano.

Sotto il primo profilo, la società che detiene i diritti sull’area, ha avanzato una richiesta agli Enti competenti che ha portato ad una delibera del Consiglio Comunale di Fano. Sotto il secondo profilo, prendendo atto che la reale misurazione della profondità della darsena è di gran lunga inferiore a quella di progetto (indicata in 3,50 metri), la Wider ha commissionato, a proprie spese, un approfondito studio di fattibilità che riguarda la logistica e movimentazione degli yachts che la stessa intenderà realizzare, nel caso, in questo sito: tali approfondimenti mostrerebbero che il porto di Fano sarebbe in grado di consentire il varo di uno scafo da 1.800 tonnellate, il tutto grazie all’ausilio di appositi barge, grandi barche a fondo piatto, che permetteranno di porre in acqua uno yacht di circa 85 metri di lunghezza nonostante il pescaggio del porto sia inferiore a quello indicato dalla progettualità.

Se il progetto andrà in porto i benefici auspicati per la città ed il territorio saranno molteplici, in primis la creazione di occupazione per circa 400 persone; non solo, la Wider punta alla creazione di un valore di produzione nel quinquennio 2022 -2025 che si attesti sui 150 milioni di euro. Di fatto il progetto consentirà di avere nel territorio la presenza di un’attività che si lega ai megayacht. Tale attività è notoriamente meno soggetta alle ciclicità economiche, rispetto alla fascia di yacht di minor “piedaggio” nella quale Fano ha avuto un grande sviluppo produttivo a partire dagli anni ‘90.

Il porto di Fano nuova casa dei superyachts?
Il porto di Fano nuova casa dei superyachts?

Tale circostanza porterà Fano e il suo hinterland ad essere uno dei territori che, insieme a pochi altri, costituiscono l’eccellenza nel settore della produzione di yachts tra i 30 e i 90 metri. I cantieri italiani raccolgono la maggior parte degli ordinativi mondiali; oltre tali dimensioni il primato è in mano a cantieri mitteleuropei.

La decisione della Wider di puntare sulla darsena fanese discende dalla volontà di Maggi e Fraternale, entrambi marchigiani, di portare valore aggiunto nel territorio natale. Ma dovranno tenere in debito conto sia il profilo economico dell’investimento, sia il fattore temporale, vero punto cruciale del progetto. Eventuali rallentamenti potrebbero non essere compatibili con i piani di produzione della società, discendenti dagli ordinativi, e la società non può rischiare di sforare le date di consegna contrattuali con gli Armatori.

Per quanto Fano costituisca la scelta preferenziale di Wider, un’eventuale indeterminazione o allungamento nella previsione dei tempi di realizzazione dell’investimento porrebbe la società nella condizione di non poter rispettare i propri impegni, condizione che non può che imporre una necessaria modifica dei piani di Wider, suo malgrado.