Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Da Pescara a Pesaro per andare all’Obi il giorno di Pasquetta, multato

Serrati i controlli nel lungo weekend di Pasqua. Verranno verificate anche le autocertificazioni, alcune sono sospette

PESARO – Direttamente da Pescara a Pesaro, attraversando la regione per andare all’Obi, il negozio del bricolage.

Il fine settimana di Pasqua ha visto schierati oltre 250 rappresentanti delle forze dell’ordine sulle strade per garantire i controlli contro gli spostamenti ingiustificati per limitare i contagi. Così lunedì pomeriggio, i carabinieri hanno controllato un uomo che all’uscita del casello autostradale ha detto di dover andare all’Obi per comprare degli attrezzi edili, convinto di trovarlo aperto. La scusa non ha retto e l’uomo proveniva da Pescara. Per lui è scattata la multa di 400 euro.

I carabinieri hanno multato un fanese che se ne stava in spiaggia a Pesaro senza un motivo valido. Poi quattro ragazzi non congiunti nella stessa auto.
In totale 28 le sanzioni elevate dalla compagnia carabinieri di Pesaro. E attenzione alle autocertificazioni. I militari faranno verifiche su alcune molto sospette.

A Pesaro 6 le pattuglie messe in campo dalla polizia locale che ha controllato, sabato, 180 persone e 32 locali, multando 5 persone, più che altro per averle trovate fuori zona o senza mascherina, e sanzionando un locale trovato con clienti che consumavano all’interno.