Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, violazioni alle norme di sicurezza: sospeso il cantiere del vecchio palas

I carabinieri del Nil e Tutela del lavoro hanno ravvisato irregolarità: scattano denunce e multe per decine di migliaia di euro

I controlli dei carabinieri

PESARO – Cantiere del vecchio palas di viale dei Partigiani sotto la lente di ingrandimento dei carabinieri, diverse irregolarità riscontrate. Multe, denunce e sospensione dei lavori.

I carabinieri del nucleo tutela del lavoro e ispettorato del lavoro hanno compiuto un accesso nel cantiere. I militari hanno rilevato diffuse irregolarità rispetto alla normativa della sicurezza sui luoghi di lavoro, legate ai parapetti di cui era sprovvisto in alcune zone le protezioni per gli operai, ponteggi, mancato rispetto della normativa per la prevenzione del contagio anti covid.
Sono stati rilevati quindi diversi profili di responsabilità penale in base alla legge 81/2008 in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Scatteranno quindi denunce per le violazioni di legge e omessa vigilanza a carico dei titolari impresa affidataria e coordinatori della sicurezza in fase di esecuzione.

I controlli dei carabinieri

Il cantiere è stato sospeso finché non verranno sanate tutte le irregolarità. Scatteranno delle multe per qualche decina di migliaio di euro che dovranno essere pagate in parte prima di poter riaprire. Ci sarà quindi un nuovo controllo e poi il nuovo via libera.
Un accesso durato per tutta la mattinata, ben visibile a chi si trovava a passare in zona. La verifica rientra nell’ambito di una serie di controlli per la sicurezza sui luoghi di lavoro. I carabinieri del Nil hanno anche ispezionato un cantiere in via dei Tigli. Anche qui sono state riscontrate irregolarità che hanno fatto scattare multe e una denuncia.

Il cantiere del Palas non trova pace. I lavori erano iniziati il 15 gennaio 2018 ma gli stop sono stati diversi così come gli annunci della riapertura. L’ultima doveva riguardare l’ultima serata del Rof, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ma così non è stato. Ora un nuovo stop.

Exit mobile version