Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, vaccinato oltre l’80% del personale Marche Nord e Asur

Alla palazzina 3 dell'ospedale di Muraglia il percorso per inoculare l dosi. Il direttore sanitario Berselli: «Molto soddisfatti, solo chi non poteva non l'ha fatto»

Il direttore sanitario Marche Nord in una sala per le vaccinazioni

PESARO – Vaccinato oltre l’80% di medici e operatori sanitari dell’azienda ospedaliera Marche Nord e Asur. L’adesione è stata molto alta: ieri, domenica 17, è stata fissata la cosiddetta last call, l’ultima chiamata per potersi vaccinare.

Alla palazzina 3 dell’ospedale di Muraglia è stato organizzato un percorso interno. Dopo la registrazione, quattro postazioni per la visita generale del paziente: l’anamnesi. Poi un lungo corridoio fino alle 6 sale dove veniva inoculato il vaccino Pfizer Biontech. Infine l’ultima sala dove i vaccinati hanno atteso 15 minuti per verificare eventuali reazioni allergiche. Tutto si è svolto in maniera tempestiva.

Il direttore sanitario Edoardo Berselli si dice «molto orgoglioso di questa organizzazione. Tutto è funzionato in maniera rapida, senza creare assembramenti. Si è vaccinato oltre l’80% del personale (2088 medici, infermieri, dipendenti ndr). Chi non lo ha fatto non può farlo, persone che hanno patologie in atto, cosa che rappresenta una controindicazione assoluta o chi ha avuto il covid di recente per cui non ha senso sottoporsi alla dose. Abbiamo registrato una forte adesione da parte di tutti e ne siamo contenti».

Prossimo step i richiami e nonostante Pfizer stia consegnando meno quantitativi, le dosi saranno sufficienti.