Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro Urbino, solo AstraZeneca per gli over 80 e molti anziani tornano a casa

La consigliera Regionale Micaela Vitri: «In tanti hanno fatto marcia indietro a Pesaro, Fano, Urbino: vanno tutelati»

PESARO – Solo Astrazeneca per over 80, gli anziani tornano a casa.

Dopo il caso del lotto ritirato anche nelle Marche e la mancanza di dosi Pfizer, al centro socio culturale Monaldi tanti anziani hanno preferito non vaccinarsi.

Molto critica Micaela Vitri, consigliera regionale, su quanto accaduto venerdì: «Caos negli unici 3 punti vaccinazione della provincia di Pesaro dove gli anziani hanno saputo che non c’erano più dosi Pfizer e Moderna ma solo AstraZeneca. Molti di loro sono stati accompagnati nei punti vaccinali di Pesaro, Fano e Urbino da figli, nipoti o assistenti, percorrendo a volte decine di chilometri a causa della distanza dai centri di vaccinazione, poi solo all’arrivo l’amara scoperta. E’ vero che Astrazeneca ora è stato autorizzato anche per ultra ottantenni, ma mi chiedo: Perché nelle Marche non è stato calcolato il numero di over 80 prenotato, in modo da riservare Pfizer e Moderna? Perché la Regione ha vaccinato 20.000 non sanitari, non affetti da patologie gravi e sicuramente di età inferiore ai 67 anni, con dosi di Pfizer invece di usarle per gli anziani con più di 80 anni? Ci saranno, e soprattutto quando, le dosi di vaccino Pfizer per tutti i richiami da fare agli anziani che hanno già fatto la prima inoculazione?»

Micaela Vitri, consigliera regionale Pd

Ai punti vaccino molti, sentendo anche le notizie del ritiro del lotto, hanno fatto marcia indietro. «Oggi molti anziani disorientati hanno preferito tornare a casa, mentre altri, avendo patologie gravi, sono stati ritenuti non idonei per la somministrazione di AstraZeneca. Da mesi come opposizione abbiamo chiesto che venisse applicato il piano pandemico, ma ciò non è avvenuto; chiesto di fare uno screening sugli studenti prima del rientro a scuola, ma siamo stati ignorati; chiesta la convocazione di un Consiglio straordinario sul tema, ma ci è stato detto che la giunta non era pronta. Gli anziani sono una nostra risorsa e nelle Marche ne sono già morti più di 2000, non tutelarli e lasciarli allo sbando è incivile».