Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro: saracinesca abbassata e, all’interno, aperitivo oltre le 18: multati

Controlli ad ampio raggio da parte dei Carabinieri: 7 sanzioni covid e una denuncia a uno straniero con divieto di dimora nelle Marche

Carabinieri

PESARO – Aperitivo nel bar dopo l’orario di chiusura. La saracinesca quasi interamente abbassata non è bastata per mettersi al riparo dai controlli.

I Carabinieri hanno effettuato una serie di controlli con le stazioni di Pesaro, Montecchio, Borgo Santa Maria, Gabicce, il Nucleo operativo radio mobile assieme al SIO del Battaglione Calabria e 2 unità cinofile.

Sono state controllate 147 persone, 52 veicoli, 17 esercizi pubblici. E proprio in questo contesto è stato sanzionato un bar di via Bonini, reo di non aver esposto correttamente i cartelli informativi sulle misure anti covid.

In via Giolitti invece i militari sono arrivati alle 19.20 davanti a un bar che aveva la saracinesca quasi interamente abbassata. Si sono affacciati e hanno notato che il bar non era chiuso e che all’interno alcune persone stavano consumando l’aperitivo oltre l’orario consentito delle 18. I carabinieri hanno quindi multato tutti i presenti.

Sono state quindi elevate 7 sanzioni complessive per violazioni della normativa covid a carico di altrettante persone e ai due esercizi commerciali. Si parla di multe da 400 euro a persona. Altri controlli anche al confine tra Gabicce e la Romagna dove un paio di persone hanno oltrepassato la regione senza validi motivi. Altri posti di blocco anche a Borgo Santa Maria.

Nell’ambito dei controlli sono state anche effettuate verifiche su 19 persone sottoposte a misure alternative alla detenzione, per capire se effettivamente le persone agli arresti domiciliari erano a casa. Sono state anche effettuate 5 perquisizioni.

Infine è stato denunciato un cittadino extracomunitario di 20 anni per aver dichiarato false generalità. Si tratta di uno straniero già ampiamente noto alle forze dell’ordine per reati legati al mondo dello spaccio. Su di lui pende un divieto di dimora in tutta la regione Marche, motivo per cui ha ricevuto una seconda denuncia. Inoltre è stato segnalato quale assuntore di stupefacenti perché i cani hanno annusato della marijuana.