Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, pugni all’infermiera in psichiatria: arrivano i carabinieri

Doppio intervento dei militari per calmare una 30enne sotto Tso e per ritrovare un anziano affetto da Alzheimer

PESARO – Doppio intervento dei carabinieri di Pesaro.
È stata una notte di ricerche quella di domenica per ritrovare un anziano sofferente di Alzheimer che ha lasciato casa nel cuore della notte, iniziando a vagare per il centro storico. Sparito intorno all’una di notte è stato ritrovato alle 5,30. Il 70enne, in stato confusionale e smarrito, è stato rintracciato dalla pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri. Il pensionato è stato visto vagare in viale Risorgimento nella zona dell’ospedale ed è stato subito ricondotto dal figlio. Era scappato, memore del suo lavoro notturno, in passato. Ai carabinieri ha fornito il suo indirizzo da giovane.

I militari sono dovuti intervenire domenica pomeriggio nel reparto psichiatrico di Muraglia dopo che una giovane paziente aveva rifiutato le cure ed aveva aggredito l’infermiera scagliandosi contro la donna e prendendola a pugni in faccia. Il successivo arrivo della pattuglia del nucleo radiomobile dei carabinieri, ha riportato la trentenne alla calma. La donna ha acconsentito a sottoporsi a Tso, trattamento sanitario obbligatorio. Quanto all’infermiera, che ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso, ha avuto un giorno di prognosi e ha deciso di non sporgere denuncia contro colei che l’ha aggredita.