Hoplà facile la bontà
Hoplà facile la bontà
Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fastnet. Internet da sempre
ESTRA Il futuro Green è adesso
ESTRA Il futuro Green è adesso

Pesaro, il Primo Maggio sarà un “Pic Nic e Note” al Miralfiore tra band e spettacoli

L'assessore Belloni: «Pronti a celebrare la Festa in musica e a ripercorrerne storia e valore del lavoro»

La presentazione di Pic nic e note

PESARO – Concerto del Primo Maggio, Pesaro è pronta a celebrare la Festa del Lavoro con l’evento “Pic Nic e Note”, dalle 11:30 alle 19:30 al Parco Miralfiore, promosso dal Comune di Pesaro, in collaborazione con Auser e Cgil, Cisl e Uil.

«Lo faremo in musica, nel segno di Pesaro Città creativa UNESCO, ma anche ripercorrendo la storia e il significato che porta con sé questa giornata. È un appuntamento “pilota” che ci auguriamo diventi fisso nel calendario della città e che abbiamo ideato quasi per gioco» spiega Enzo Belloni, assessore all’Operatività, che aggiunge: «Abbiamo un’area verde spettacolare di 23 ettari che ancora tanti non conoscono e che vogliamo sempre più viva e vivace, piena di famiglie; abbiamo tanti gruppi che spesso sono più conosciuti fuori città che a Pesaro; abbiamo delle eccellenze agroalimentari uniche e un’identità solidale, “di comunità diffusa” di cui andiamo fieri. È bastato unire tutti questi elementi, per ideare “Pic Nic e Note”, una giornata che invitiamo a trascorrere con gli amici e le famiglie portando un telo impermeabile e tanta voglia di stare insieme nel nostro bellissimo Parco, un’area che ha già ospitato eventi teatrali, concerti, incontri di associazioni, dimostrando di poter essere un eccellente luogo di socialità». 

Il programma di “Pic Nic e Note” avrà inizio alle 11:30, quando nel palco dell’arena del Miralfiore, saliranno i Nameless, «il più giovane gruppo rock della città, composto da 4 ragazzi la cui età sommata raggiunge i 55 anni» spiega l’organizzatore e direttore artistico Ugo Betti nel presentare la formazione che darà avvio ai concerti. A seguire sarà, alle 12:30, Riccardo Selci & Fool Band. Breve pausa e si riprende con i Babel, alle 13:45 e, alle 15, gli Apnea, formazione che ha appena lanciato il suo ultimo singolo “Adrenalina” dagli schermi del Tg1. La musica riprenderà alle 16:15 con Jacopo Mariotti, violoncellista che da 10 anni si esibisce per il ROF e la sua musica che accompagnerà la performance artistica di Giuliano Del Sorbo, pronta a mettere in movimento una tela di 15 metri per 3. Rush finale con i Crotalo (ore 16:55) e la loro proposta di hard and heavy italiano per concludere l’evento, dalle 18:15, con la carica dei 41 anni di rock portati da Joe Castellani & Blues Machine.  

A guidare l’avvicendarsi dei gruppi, e a raccontare progetti e storie degli artisti, saranno Eleonora Rubechi Mensitieri e Brunella Paolini che sarà sul palco, alle 16, per «Un racconto della storia della Festa del lavoro. Sarà un bel momento di riflessione, accompagnato dal violoncello di Mariotti, in cui ripercorreremo le battaglie dei lavoratori che si sono susseguite dall’Ottocento ad oggi; le difficoltà affrontate per ottenere i diritti che oggi paiono scontati ma che, ancora per troppi, non sono garantiti». 

«Tutti i gruppi avranno la possibilità di esibirsi, con un impianto audio e luci professionale – aggiunge Betti – in un’arena naturale unica, il Parco Miralfiore. La loro energia e la loro musica guideranno la giornata che sarà anche un segnale di sostegno a Cantiano, presente a “Pic Nic e Note” con i suoi piatti e prodotti di eccellenza – polenta, porchetta e birra artigianale – che saranno proposti a coloro che ci raggiungeranno: sarà un modo per essere vicino a una comunità che si sta riprendendo ma che ha ancora bisogno di sostegno dopo l’alluvione del settembre scorso». Sul posto anche il truck food Polpo di Fulmine con la sua proposta di mare.  

A sostenere l’appuntamento, anche Auser Pesaro Urbino, come spiega il presidente Massimo Ciabocchi: «Abbiamo aderito con entusiasmo a questa iniziativa coinvolgendo anche le sigle sindacali, perché il Primo Maggio e i valori che porta con sé devono essere celebrati e onorati. Sarà bello farlo durante una giornata che consente di vivere questo splendido luogo, unico nella nostra provincia, un simbolo della città che si riempirà di giovani e famiglie». 

© riproduzione riservata

Visita Gradara