Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, presa la banda dei furti nei bar e pizzerie, traditi da un tatuaggio

È stato un tattoo a tradirli. Si tratta di tre giovanissimi a cui la Polizia addebita almeno 7 furti degli ultimi giorni. Ritrovata parte dei bottini. Restano in carcere

Il fotogramma di un furto

PESARO – Traditi da un tatuaggio a forma di stella nella mano. E dai loro peccati di gola. Ripreso dalle telecamere di videosorveglianza di una pasticceria. La Polizia ha arrestato tre giovanissimi, ritenuti essere la banda dei furti nei piccoli negozi, pizzerie e bar.

Sono state giornate molto calde con furti a tappeto. La Squadra Mobile e la Volante della Questura hanno quindi intensificato i controlli e durante la notte del 13 febbraio hanno visto tre ragazzi correre nella zona di viale Fiume.

La conferenza stampa della Polizia

Scattati i controlli, è arrivata anche la perquisizione. Alloggiavano in un hotel del Lungomare. Qui i poliziotti hanno trovato parte della refurtiva rubata come cioccolata, caramelle, cingomme.

E soprattutto hanno visto la corrispondenza, dalle immagini di sorveglianza di un locale, del tatuaggio che uno dei membri della banda aveva su una mano. E poi ancora i vestiti utilizzati.

Il tatuaggio che ha incastrato un membro della banda

Per loro è scattato l’arresto che il Gip ha convalidato. Restano quindi in carcere un albanese di 22 anni, un rumeno di 18 e un italiano di 20 anni, residente in Umbria. La polizia ritiene che siano venuti a Pesaro dal 27 gennaio proprio per commettere furti. Ad oggi gliene vengono addebitati sette, su 19 compiuti negli ultimi giorni. Ma gli inquirenti stanno cercando ulteriori elementi per l’attribuzione di altri colpi.

Tra i furti addebitati quello alla pasticcetia Roby e Giovi, alla Pizzeria Miralfiore, all’Immagine Atelier, al Bar Albatros.

Una catena continua quella di questi giorni: «Pensiamo di aver messo fine a queste scorribande – ha spiegato il dirigente della squadra Mobile Paolo Badioli in conferenza stampa -. Una banda che ha destato allarme sociale».