Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, partita la vaccinazione all’ex Ristò: 10 postazioni per l’inoculazione

Segnalata qualche fila iniziale: 8 postazioni di medici per anamnesi. Ricci: «Servono più punti: due in città, uno a Vallefoglia, uno a Gradara»

La fila all'ex Ristò di Pesaro

PESARO – Partita la vaccinazione all’ex Ristò del Rossini Center, qualche coda iniziale, poi via spediti. Disagi per le prenotazioni dei vaccini 70-79 anni.

Il Rossini Center, che fa parte del Gruppo Klépierre, leader italiano ed europeo nel settore dei Centri Commerciali, ha concesso in comodato d’uso gratuito all’Asur di Pesaro uno spazio di 1.200 metri quadrati all’interno del centro da destinare ai vaccini. L’area vaccinale a totale regime potrà prevedere fino a 8 postazioni di medici per l’anamnesi e 10 box di infermieri per l’inoculazione del vaccino, oltre a 6 postazioni che gestiranno gli arrivi dei pazienti e le relative pratiche amministrative.

Le vaccinazioni all’ex Ristò

«Sono settimane che chiedevamo uno spazio più grande – spiega il sindaco Matteo Ricci, in visita alla nuova sede – Oggi gli operatori ci hanno raccontato di un sistema che funziona meglio ed è visibile anche la soddisfazione da parte degli utenti».

Chiuso definitivamente il Centro Monaldi, «ora – continua il sindaco – rimane il problema che gli spazi sono pochi: se vogliamo moltiplicare i vaccini, dobbiamo moltiplicare anche i punti di vaccinazione».

Il sindaco Ricci in visita all’Ex Ristò

È di qualche settimana fa la richiesta da parte degli amministratori dell’Unione dei Comuni, di ulteriori sedi per gli utenti del territorio: «ne servono almeno quattro, due a Pesaro, uno a Vallefoglia e uno a Gradara».

Dopo i ritardi iniziali nelle forniture, «adesso i vaccini ci sono, quindi dobbiamo accelerare e alzare l’asticella, se necessario facendo i vaccini h24. Chiediamo alla regione di ascoltare le richieste dei sindaci».

Il nuovo sito per la somministrazione di vaccini anti Covid-19 attivato al Centro Commerciale Rossini di Pesaro sarà operativo dal 29 marzo fino al 31 dicembre 2021. «Ringraziamo Rossini Center, Gruppo Klépierre e Conad – continua Ricci – per la disponibilità, hanno fornito un’importante opportunità alla città».

Da oggi, intanto, scatta la prenotazione per il vaccino anti-Covid19 per la fascia d’età 70-79 anni. Si ricorda che, per evitare file e assembramenti, è meglio presentarsi alla sede vaccinale già con i moduli al completo, rispettando l’orario di ’convocazione’ (tutte le informazioni su https://www.regione.marche.it/vaccinicovid).

Il consigliere regionale Andrea Biancani segnala qualche disservizio per la prenotazione per il vaccino per la fascia d’età 70-79 anni. «Non tutto sta funzionando. Molti cittadini si sono trovati di fronte a questo messaggio. Ho provato ad informarmi e mi hanno detto di riprovare i prossimi giorni. Speriamo che il disservizio si risolva presto».

La pagina di errore nella prenotazione dei vaccini


Infine Ricci sulle scuole, «Vogliamo riaprirle in sicurezza, per questo chiediamo a Governo e Stato di fare uno screening periodico a studenti. Se Stato o Regione non lo faranno, l’Amministrazione è pronta a ripeterle i monitoraggi»