Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro piange il 65enne Riccardo Travaglini: l’uomo stroncato da un malore improvviso

L’uomo era molto conosciuto sia per la sua grande passione per la fotografia che aveva ereditato dal nonno e dal padre, sia per essere il fondatore della pagina facebook “Pesaro è la mia città”

Riccardo Travaglini
Riccardo Travaglini

PESARO – La città di Pesaro piange l’improvvisa scomparsa di Riccardo Travaglini, scomparso nella giornata del 5 giugno a 65 anni, a causa di un malore che non gli ha lasciato scampo. L’uomo era molto conosciuto sia per la sua grande passione per la fotografia che aveva ereditato dal nonno e dal padre, sia per essere il fondatore della pagina facebook “Pesaro è la mia città”, dove condivideva gli scatti degli scorci che più amava. Travaglini negli anni aveva allestito anche diverse mostre fotografiche personali: il suo lavoro era molto apprezzato dai colleghi che ne stimavano sia le doti artistiche che umane.

Tantissimi i ricordi apparsi sui social in queste ore. Tra i più belli e sentiti quello di Stefano Vichi: «Riccardo Travaglini, fondatore e amministratore del gruppo, stamane ci ha lasciati, come comunicato dalla sorella Graziella. Un grande fotografo e, per me, un caro amico. L’ho conosciuto grazie alla comune passione per le foto – lui più bravo e più esperto di me – ed ho avuto modo di apprezzarne le non comuni doti di umanità e di intelligenza, unite al carattere forte e sincero. Dagli inizi del 2020 era stato colpito da una ischemia che lo aveva invalidato e gli aveva limitato la grande passione per la vita all’aria aperta e per la fotografia, ma non gli aveva spento il temperamento vivo e la sensibilità non comune. Oggi è arrivata questa brutta notizia che mi ha profondamente turbato. Un abbraccio alla famiglia ed un caro saluto a tutti gli amici del gruppo. RIP Riccardo».

O ancora un altro utente: «Poverissimo Riccardo, battagliero e sicuro di se stesso, amante di tutta la nostra Terra e soprattutto del mare…..e di Fiorenzuola di Focara così cara anche me perché paese natio. In questi giorni ti ho pensato molto come se sapessi che avevi bisogno di tutte le persone che ti hanno seguito nella tua vita. Una preghiera per te con affetto. Condoglianze ai tuoi cari». Oppure: «Mi dispiace tanto abbiamo perso un amico e un grande fotografo… Rimarrai sempre nei nostri cuori Riccardo R. I. P..»