Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, monopattini tra regole e bicipolitana: 4 gli incidenti in un anno

L’assessore alla Sostenibilità Morotti ha illustrato gli interventi dell’amministrazione in merito al regolamento: «Mezzi equiparati alle bici: velocità di 6Km/h nelle Apu e nelle Ztl». Gambini: «Serve l'uso del casco»

monopattini elettrici
monopattini elettrici (foto di repertorio)

PESARO – Monopattini, quattro incidenti in un anno per un mezzo inserito in una indagine sperimentale a livello nazionale. L’assessore alla Sostenibilità Heidi Morotti ha illustrato gli interventi dell’amministrazione in merito al “Regolamento per la circolazione dei monopattini elettrici” come richiesto tramite un’interpellanza, dal Consigliere Emanuele Gambini.

Morotti ha sottolineato: «È un mezzo che ha trovato largo uso nel territorio, soprattutto fra i giovani perché molto pratico» ma anche per «l’infrastruttura viaria della città, ideale per i monopattini: la maggior parte delle strade secondarie sono già tutte “zona 30”; la metropolitana di superficie – la Bicipolitana – copre tutta le città e ed è possibile transitarci in completa sicurezza».

Nel 2019, «abbiamo emesso un’ordinanza, recependo le linee guida del Governo, con cui abbiamo inserito il mezzo in una sperimentazione in attesa degli sviluppi normativi. Dopo dieci giorni abbiamo integrato l’ordinanza che ha permesso a questi mezzi di viaggiare alla velocità di 6Km/h nelle Apu e nelle Ztl. Abbiamo raccolto i dati e, a fine 2019, lo Stato, con la legge 160, ha equiparato i monopattini alle biciclette, per cui i conduttori di questi mezzi devono seguire le stesse regole dei ciclisti sancite dal Codice stradale». «In un anno – ha concluso Morotti – ci sono stati solo 4 incidenti – tutti di lieve entità – che hanno richiesto l’intervento delle pattuglie». 

Gambini, in risposta, ha chiesto all’amministrazione di valutare ulteriori «regole pensate esclusivamente per i monopattini: l’uso del casco; verificare in quante persone possono salire sul monopattino; obbligo dell’uso delle luci».