Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, la droga nel microonde: arrestato 50enne nel giorno del compleanno

La Squadra Mobile si è concentrata su un incensurato nella periferia. Aveva 180 grammi tra cocaina e hashish. Recuperato anche un bilancino di precisione

La droga sequestrata

PESARO – Arrestato con la droga nel giorno del compleanno. La nascondeva nel forno a microonde. La Squadra Mobile della Questura di Pesaro e Urbino, nell’ambito del contrasto allo spaccio, si è concentrata sull’hinterland di Pesaro. Luoghi solitamente ritenuti meno controllati dalle forze di Polizia e che alle volte nascondono soggetti insospettabili dediti ad attività illecite quale anche quella di spaccio.

L’attività info-investigativa condotta nell’ambiente ha permesso agli investigatori di attenzionare un cinquantenne incensurato, residente in un borgo limitrofo di Pesaro, il quale a dispetto di una tranquilla vita sociale, conduceva parallelamente una fiorente attività di spaccio.

Nel primo pomeriggio di venerdì scorso, tra l’altro corrispondente al giorno del suo compleanno, visto in particolare l’imminente lungo weekend, periodo nel quale il consumo, e di conseguenza lo spaccio, raggiunge il suo picco maggiore, gli investigatori lo hanno atteso all’esterno della sua abitazione e vedendolo partire in sella ad uno scooter lo hanno bloccato procedendo al suo controllo.

 Una volta raggiunta la sua abitazione è stata effettuata una perquisizione che permetteva di rinvenire e sequestrare, all’interno del forno microonde, un barattolo di plastica contenente due involucri in cellophane uno con 10 grammi circa di cocaina e l’altro con grammi 15 circa di hascisc. Accanto al microonde veniva rinvenuto e sequestrato anche un bilancino di precisione.

Occultato sotto il tavolo anche un barattolo più grosso con all’interno due involucri, uno contenente cocaina del peso di 57 grammi circa e l’altro contenente hascisc del peso di grammi 105 circa.

Le successive operazioni di perquisizione compiute hanno permesso di rinvenire e sequestrare materiale per il confezionamento delle dosi e la somma contante di 500 euro ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio.

L’intervento è terminato, su disposizione del P.M. di turno, con il trasferimento in carcere dell’arrestato. Convalidato l’arresto è stata applicata nei confronti dell’uomo la misura della custodia cautelare in carcere.