Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Opere compensative Autostrade Pesaro, il comitato invia un esposto al Prefetto sulla scelta di Ricci

Il comitato di Borgo Santa Maria preoccupato per il raddoppio dell'Interquartieri, non incluso nei lavori di Società Autostrade. «Mancano i soldi, a rischio anche la bretella Gamba?»

I membri del Comitato di Borgo Santa Maria

PESARO – Opere compensative dell’autostrada, il Comitato di Borgo Santa Maria invia un esposto al Prefetto rispetto alle scelte del sindaco. Il dibattito si è aperto qualche giorno fa quando è uscita la notizia che il raddoppio dell’interquartieri non verrà incluso nelle opere che Società Autostrade dovrà realizzare a seguito in relazione alla convenzione di cui alla delibera di CC n. 23/2013. Con la firma della convenzione, infatti, Soc. Autostrade si impegnava ad eseguire nel Comune di Pesaro alcune Opere compensative: Nuovo svincolo sud in Loc. Santa Veneranda carreggiata nord dell’A14 , Circonvallazione di S. Veneranda, Bretella di collegamento tra il casello di Pesaro sud e la località di Fosso Sejore (cd. Circonvallazione di Muraglia); Potenziamento della viabilità Interquartieri di Pesaro; Bretella di adduzione ovest tra la SP 30 Montelabbatese e la SP 423 Urbinate e il potenziamento della SP 423 Urbinate.

Ora il comitato rappresentato da Dante Roscini e Giovanni Zona, tuona: «Le recenti dichiarazioni del sindaco Matteo Ricci sul fatto che mancano 5 milioni per le opere e la possibile rinuncia al raddoppio dell’Interquartieri ci preoccupa. Visto il caro materiali in realtà mancherebbero più di 5 milioni, ovvero una cifra vicina a 20. Il rischio è che venga messa in discussione la Bretella Gamba, ovvero il collegamento tra autostrada e Montelabbatese. Un’opera che risolverebbe il traffico statale feltresca e alleggerirebbe molto quello su Borgo Santa Maria».

Il Comitato in conferenza stampa ha sottolineato: «Il sindaco decide da solo cosa fare e a cosa rinunciare? C’è una delibera del Consiglio che risale al 2016 in cui si è Autostrade che si impegna a realizzare gli interventi, non il sindaco che deve trovare i soldi. Inoltre Ricci sta scavalcando il Consiglio Comunale che è ha il ruolo di controllore. Serve chiarezza, per cui abbiamo inviato un esposto al Prefetto a cui chiediamo di approfondire la legittimità di questa scelta». In conferenza stampa presente l’avvocato Silvia Pierini.