Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, il mercato del San Decenzio diventa un brand per promuovere il commercio a km0

Amministrazione e Confesercenti presentano le proposte dedicate al mercato cittadino: 4000 borse e le navette

Da sinistra Marchionni, Ligurgo, Frenquellucci, Rinaldi

PESARO – Mercato del San Decenzio, 4mila shopper brandizzate per creare una identità e un marketing attorno all’area del commercio ambulante.

Ecco le iniziative dell’Amministrazione comunale e della Confesercenti Pesaro e Urbino per potenziare il mercato cittadino del San Decenzio. 

«La città torna a riprendersi i suoi spazi e, passo dopo passo, la sua quotidianità – ha spiegato Francesca Frenquellucci, assessora con delega alle Attività economiche -. Proprio in questi giorni abbiamo presentato gli appuntamenti promossi dai commercianti di piazza Toschi Mosca, via Tebaldi e viale Trieste; mostriamo le iniziative dedicate al mercato ordinario, tra i più importanti del centro Italia, che ospita, ogni martedì circa 300 espositori. Era doveroso essere vicino anche a loro, dopo i tanti sacrifici che hanno fatto in questi mesi durissimi». 

E proprio agli ambulanti sono state consegnate le 4000 shopper brandizzate #WePesaro, su cui campeggia la grande “M” a simboleggiare “El Marchèd” San Decenzio, «buste riutilizzabili ed ecosostenibili, che daremo agli operatori dell’area per valorizzare – con un unico simbolo grafico – gli acquisti fatti durante l’appuntamento del martedì». È anche un modo per «incentivare gli acquisti di prodotti a chilometro 0 perché, lo ricordiamo, sono tanti gli agricoltori che scelgono questa location per vendere i propri prodotti». 

Frutto del tavolo di lavoro attivato 8 mesi fa insieme a Confesercenti Pesaro e Urbino anche le due navette che, da settembre, collegheranno i quartieri della città al San Decenzio «facilitando la fruizione del mercato e alleggerendo il traffico veicolare» conclude Frenquellucci. 

Obiettivi confermati da Alessandro Ligurgo, vicedirettore Confesercenti Pesaro Urbino: «L’intenzione è proporre un mercato sostenibile, ecologico e “a chilometro zero”. Riproporremo a settembre il servizio navetta e cercheremo di coinvolgere l’intera città nel rilancio dell’area mercatale. Lo scopo è creare ricadute positive non solo per gli ambulanti ma per tutti gli operatori e per l’intera economia cittadina».  

Due i percorsi previsti, la mattina, da settembre, per le linee gratuite: una che attraverserà, a partire da Villa San Martino, i quartieri più popolosi, tra cui Celletta; l’altra più “litoranea”. 

«Ringrazio l’Amministrazione comunale – ha aggiunto Giovanni Rinaldi, presidente provinciale Anva Confesercenti – per il sostegno alla promozione del mercato San Decenzio. La vicinanza del Comune è fondamentale e necessaria per la ripresa e per il rilancio delle nostre attività, così duramente colpite dalla pandemia. Crediamo che il progetto messo in campo da Anva e Comune possa essere un’ulteriore attrattiva per i consumatori». 

«Già stimolati dal bel clima collaborativo che si percepisce confrontandosi con gli operatori – ha detto Stefania Marchionni, responsabile ufficio Attività economiche – e che risponde alla voglia di tornare a entrare in contatto, di ascoltare i consigli dei commercianti, cogliere l’aspetto umano, sociale che solo il mercato è in grado di creare».