Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Marche, nasce Confartigianato Balneari: «Un comparto strategico per la ripresa, ma servono certezze»

L'associazione raggruppa 200 operatori della costa da Gabicce a Numana. Il presidente Mandolini: «Vogliamo programmare investimenti per il rilancio del settore»

La spiaggia di Pesaro

PESARO – Turismo balneare e non solo, Confartigianato Ancona Pesaro e Urbino lancia “Confartigianato Balneari”, capace di affiancare e sostenere oltre duecento operatori del settore. Questo attraverso un nuovo brand, nuove strategie e un’attività sindacale ancora più forte a tutela delle esigenze del territorio e delle istanze delle aziende, che rappresentano il futuro del turismo marchigiano.

Il cambio di passo è stato deciso nel corso di un’assemblea interprovinciale in cui è stato eletto il primo presidente, Mauro Mandolini. «Una figura votata all’unanimità, segno di grande compattezza per il raggruppamento dei balneari più numeroso a livello regionale. Mandolini guiderà il Direttivo composto da 19 componenti in rappresentanza dei comuni costieri di Gabicce, Pesaro, Fano, Marotta-Mondolfo, Senigallia, Montemarciano, Falconara Marittima, Ancona-Palombina, Sirolo e Numana. Viene confermata la responsabilità sindacale ad Andrea Giuliani, coadiuvato da Giacomo Cicconi Massi» spiegano.

Intervenuti alla riunione anche il presidente di Confartigianato Imprese Ancona – Pesaro e Urbino, Graziano Sabbatini, e il Segretario Marco Pierpaoli. «Questa scelta dimostra il nostro impegno nel mettere sempre al centro le esigenze territoriali. Il settore dei Balneari è da considerarsi strategico per lo sviluppo dell’economia del turismo – hanno rilevato – È necessario consentire alle imprese di lavorare al meglio durante l’estate, sempre nel rispetto dei protocolli di sicurezza e della salute di tutti. Il turismo balneare è un volano della nostra economia – hanno aggiunto Sabbatini e Pierpaoli – ora più che mai c’è bisogno di continuità sulle riaperture e di chiarezza su temi come quello del coprifuoco, per tornare ad attrarre turisti anche dall’estero e consentire così alle nostre attività produttive di organizzare al meglio il lavoro, grazie a una programmazione certa».

Il presidente Mauro Mandolini

Nel corso dell’incontro sono stati illustrati gli ottimi risultati ottenuti in favore del settore a seguito dell’attività svolta da Confartigianato a livello locale e regionale, oltre che nazionale, con particolare riferimento ai temi della difesa della costa, dei piani spiaggia, all’ulteriore miglioramento del protocollo sanitario per l’anno 2021 e al prolungamento delle concessioni al 2033.

«Auspichiamo che si possa dare presto attuazione all’ambizioso programma di interventi anti-erosione contenuto nel vigente Piano Regionale per la Gestione Integrata della Costa, un progetto di primaria importanza per la salvaguardia delle nostre coste – ha dichiarato il neo-presidente Mandolini – ci auguriamo che molti interventi possano essere realizzati sia con i fondi che arriveranno dalle istituzioni locali, sia dal Recovery Fund. Alle nostre imprese – ha concluso – va restituito al più presto un nuovo quadro di certezze, senza il quale non è possibile programmare investimenti per il rilancio delle attività turistico balneari».