Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Scooter elettrici Civitanova Marche MENCHI
Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Garden Europa Azienda Florovivaistica
Garden Europa Azienda Florovivaistica

Maltempo Pesaro, monitoraggio costante e fake news smentite sull’esondazione del Foglia

Riunione della sala operativa integrata della Prefettura. Oltre 250 interventi dei vigili del fuoco e 320 in coda. Anche Aspes in campo

La diga di Mercatale

PESARO – Maltempo, interventi continui, situazione monitorata costantemente e fake news. Come quella che si è diffusa in maniera virale con un audio circolato su whatsapp rispetto alla piena del Foglia per l’impossibilità della diga di Mercatale di contenere il deflusso.

Il consorzio di bonifica smentisce tutto. «Diga di Mercatale sotto controllo. Il Consorzio di Bonifica smentisce le “fake news”. Proseguiamo nella quotidiana azione di controllo e difesa idraulica, anche in favore della riduzione del rischio idrogeologico. Nel territorio Pesarese, investito dal maltempo, è tenuta sotto controllo la diga di Mercatale. I contenuti delle “fake news” diffusi in forma anonima relativi allo stato dell’invaso sono dunque fermamente smentiti. Il Consorzio ha provveduto a segnalare l’accaduto alle Autorità competenti».

La piena del Foglia

Piena operatività della SOI (Sala Operativa Integrata) nella mattinata del 23 gennaio per il coordinamento degli interventi volti ad affrontare le criticità provocate dall’ondata di maltempo che ha interessato anche il territorio della provincia.
Il Prefetto Emanuela Saveria Greco ha costantemente monitorato la situazione con l’attivazione del C.O.V. (Comitato Operativo Viabilità) e del C.C.S. (Centro Coordinamento Soccorsi) che hanno ininterrottamente operato in base
all’evoluzione degli eventi.
Alle varie riunioni hanno partecipato tutte le componenti del sistema provinciale di protezione civile e degli enti proprietari delle strade: Presidente della provincia, sindaci, Forze dell’Ordine, Vigili del Fuoco e gestori dei servizi pubblici essenziali, in stretto collegamento con il Centro Funzionale Multimediale regionale.
Nell’incontro odierno sono state esaminate le problematiche che hanno interessato vari tratti della viabilità provinciale, prontamente affrontati e risolti dall’ANAS, dai tecnici della Provincia e dai Comuni, in collaborazione con i Vigili del Fuoco supportati dalle Forze di Polizia che hanno operato per le azioni di filtraggio attraverso il controllo delle dotazioni invernali sui veicoli.

La piena del Foglia

Si è provveduto a verificare lo stato dei fiumi (Foglia e Metauro) e dei corsi d’acqua minori. La portata dei fiumi e dei torrenti che il mare faticava a ricevere per il forte vento hanno provocato alcuni limitati allagamenti nelle zone costiere di Pesaro e Fano. La diga di Mercatale, come riferito dal Presidente del Consorzio di Bonifica Ente gestore dell’invaso, prosegue nella sua regolare azione di controllo e difesa idraulica, anche in favore della riduzione del rischio idrogeologico.
Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati dalle squadre dei Vigili del fuoco 158 interventi e 98 in coda ancora da eseguire. Al momento ci sono ulteriori 320 interventi in corso di verifica.

Gli interventi dell’Aspes

A Pesaro sono una trentina gli interventi effettuati nella sola giornata di lunedì dalle squadre del Verde di Aspes. Oltre 60 nelle ultime 48 ore. Sul campo tutto il personale a disposizione, 10 persone. L’attività ha interessato tutto il territorio comunale: da Villa Fastiggi a Baia Flaminia, dal Lungomare a Case Bruciate fino agli altri quartieri. Si è trattato perlopiù di interventi di rimozione di piante o grossi rami caduti e di ripristino delle condizioni di sicurezza. «Nonostante un evento atmosferico importante, i danni al patrimonio arboreo ed i conseguenti disagi alla popolazione sono stati molto ridotti – spiega il presidente di Aspes Luca Pieri – Questo anche grazie all’azione quotidiana di manutenzione e gestione ordinaria del verde che, a volte anche tramite l’abbattimento preventivo di piante pericolanti, prevengono l’insorgere di eventi critici e potenzialmente dannosi per persone e cose. Un plauso a tutti gli operatori impegnati sul campo per l’ottimo lavoro svolto».