Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Pesaro, incontro con ristoratori. Ricci: «Cercheremo di avere il massimo da Governo e Regione»

Il sindaco: «Dl Ristori pronto con 2 miliardi». Il 30 ottobre l'amministrazione incontrerà il mondo dello sport, danza, cultura e spettacolo

L'incontro in Comune

PESARO – Scattano gli incontri tra il sindaco di Pesaro e i rappresentanti delle categorie economiche. Dopo la manifestazione di piazza di lunedì, Matteo Ricci ha sottolineato che l’amministrazione si sarebbe dovuta mettere in ascolto e così ha aperto il primo tavolo con i rappresentanti di categoria e gestori di locali.

Si tratta del primo confronto programmato dall’amministrazione con il tessuto socio economico della città. L’assessore Francesca Frenquellucci ha indetto il Comitato Anticrisi insieme alle associazioni di categoria, rappresentanti degli istituti di credito e sindacati per fare il punto sulle azioni intraprese in questi mesi di emergenza Covid-19. Venerdì 30 ottobre l’amministrazione incontrerà il mondo dello sport, danza, cultura e spettacolo.

 «Sono giorni e ore complicate – così Matteo Ricci -. Tutti i sindaci italiani hanno espresso grande preoccupazione per i meccanismi di chiusura che penalizzano categorie economiche e lavoratori già fortemente colpiti dall’emergenza Covid-19. In questi anni ho lottato per avere una città più vivace e i risultati si stavano vedendo dal punto di vista economico e occupazionale. È arrivato prima il blocco, poi segnali di ripresa: ce l’abbiamo messa tutta per ripartire gradualmente mettendo in campo esperimenti per rimettere in moto la città. Il nuovo Dpcm è quindi un colpo al cuore anche per me. Capisco le esigenze del settore, ma allo stesso tempo non possiamo esigerci dal far rispettare le norme per il rispetto della salute. Mi farò portavoce delle vostre necessità, cercheremo di avere il massimo sia dal governo nazionale che regionale».

Intanto il Consiglio dei Ministri ha approvato il Dl Ristori, che prevede interventi economici in favore delle attività che sono state chiuse totalmente o parzialmente con l’ultimo DPCM. Tra le azioni previste: un Fondo Perduto di 2 miliardi di euro in favore di ristoranti, che riceveranno il 150% del contributo ricevuto ad aprile, bar pasticcerie gelaterie (100%), piscine, palestre, fiere e enti sportivi, terme, centri benessere (200%), discoteche (400%), tassisti e noleggio con conducenti (100%). Tempi di erogazione previsti: 7 giorni per chi ha già preso contributo a fondo perduto ad aprile, 3/4 settimane per chi deve fare nuova domanda.

Intanto Umberto Carriera, titolare del ristorante La Macelleria, il locale fatto chiudere dalla Polizia, è intervenuto in più trasmissioni nazionali, da Sky a Pomeriggio 5 con Barbara D’Urso.

«Siamo di fronte ad una forte crisi sanitaria, economica e sociale. Il mio gesto, aprendo oltre l’orario consentito vuole sollecitare le istituzione ad un forte cambio di direzione. Io ho sei ristoranti e sono pronto ad aprirne uno al giorno». Del resto lo aveva già annunciato.