Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Furlo, studio geologico e progetto esecutivo per riaprire la strada in sicurezza

Riunione tra Regione, Provincia, Enel e i comuni coinvolti. Si procederà all'affidamento della progettazione esecutiva

La gola del Furlo

ACQUALAGNA – Furlo, studio geologico e intervento per riaprire la strada. Dopo le segnalazioni della caduta di sassi a febbraio, il successivo sopralluogo del Vigili del Fuoco, nel febbraio scorso, ha fatto sì che la Gola del Furlo sia stata chiusa al transito.

Nei giorni scorsi il summit di tutti gli enti coinvoli. Nella sala del Genio Civile della Regione Marche, su input dell’Assessore regionale all’ambiente Stefano Aguzzi, si sono incontrati i vertici di Enel Green Power Italia, Enel Italia, la Provincia di Pesaro e Urbino, il comune di Fermignano, Acqualagna Luca Lisi, AATO per trovare una soluzione condivisa relativamente alla problematica emersa dagli studi geologici presso la Gola del Furlo.

L’incontro è stato un ottimo momento per condividere tutti insieme lo stato dei fatti e le prossime azioni per arrivare il prima possibile alla risoluzione della problematica emersa e le azioni da intraprendere.
Tutti gli enti hanno condiviso che la sicurezza delle persone è la priorità assoluta. Pertanto è necessario che dallo studio approfondito si prosegua immediatamente con il progetto definitivo ed esecutivo per mettere in sicurezza permanente l’area, al fine della riapertura.
La Provincia di Pesaro e Urbino, a partire dallo studio geologico finanziato dalla Regione Marche e dal Comune di Fermignano, e insieme agli altri enti coinvolti procederà con l’affidamento della progettazione esecutiva degli interventi più urgenti per la riapertura della strada, nonché per il monitoraggio futuro delle altre criticità rilevate.
Ogni ente farà la sua parte per procedere in tempi rapidi all’affidamento dei lavori di messa in sicurezza.
Sarà mantenuto aperto il tavolo tecnico, che coinvolgerà tutti gli enti coinvolti, e sarà finalizzato anche ad agevolare il procedimento autorizzativo e la successiva esecuzione dei lavori, il tutto nell’ottica di concludere nel più breve tempo possibile la messa in sicurezza e la riapertura della regolare viabilità.