Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Cultura, Regione e Consorzio Marche Spettacolo insieme per «creare un fondo d’emergenza»

A sostenere la richiesta è Camilla Murgia di Una città in comune: «Questo sostegno è urgente. Vogliamo salvaguardare un settore con un intervento mirato»

Teatro Pergolesi di Jesi

PESARO – Il mondo dello spettacolo è fermo da tempo, la lista civica Una città in Comune chiede un fondo regionale d’emergenza per la categoria.

Regione Marche, Consorzio Marche Spettacolo e città di Pesaro sono fortemente impegnate a sostegno del comparto “Spettacolo dal Vivo“, suggerendo tra l’altro alcune linee di intervento in un momento di grande difficoltà. «Nella realtà marchigiana – commenta Camilla Murgia, Consigliere Comunale della Lista Civica “Una Città in Comune” – facciamo riferimento a migliaia di operatori, con un fatturato annuo di decine di milioni di euro. I tre Enti vogliono essere parte attiva in un dialogo continuo con questo settore, che si occupa di un enorme patrimonio culturale e spettacolare. Esprimo dunque grande soddisfazione, a nome mio personale e della nostra Lista, riguardo l’intervento mirato a garantire continuità e sostegno ad un’area sostanzialmente trascurata in occasione dell’Emergenza Virus». 

I lavoratori dello spettacolo vivono infatti di contratti intermittenti e perciò difficilmente inquadrabili nei parametri previsti, a cominciare dal contributo dei 600 euro. Una precarietà in cui si dibattono da anni ma oggi ancora più acuta, tanto che mai come oggi è importante intervenire in modo celere ed efficace.«L’istituzione di un fondo regionale di emergenza, per il tempo necessario a riorganizzare un comparto economico e sociale fondato su fondamentali momenti di aggregazione e incontro, è assolutamente urgente. Il sistema “Spettacolo dal Vivo” marchigiano ha una forte capacità di valorizzare la tradizione e puntare al tempo stesso all’innovazione: sono certa che possa superare questo momento critico. A noi, Politica e Istituzioni, il compito di sostenerlo e tutelarlo» conclude Murgia.