Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, strappa coi denti la dose di cocaina per scappare dalla Polizia: arrestato

Gli agenti della squadra mobile hanno fermato un 40enne già noto alle forze dell'ordine. Aveva anche 150 grammi di hashish

La droga sequestrata

FANO – Lo scambio della droga e la fuga strappando una dose di cocaina per disperderne il contenuto.

Nell’ambito delle incisive attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, la Squadra Mobile della Questura di Pesaro ha arrestato un pluripregiudicato quarantenne di origini pugliesi, residente a Fano, già sottoposto alla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno.

L’arrestato si era sottratto da circa un mese alla misura e, contemporaneamente, era tornato attivo nello spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli investigatori lo hanno sorpreso all’uscita da un’abitazione, durante un incontro con altro soggetto con il quale scambiava qualcosa mano a mano. Pensando a un cessione di droga, i poliziotti sono subito intervenuti bloccando il cliente che, collaborativo, ha consegnato la dose di cocaina che aveva appena acquistato dall’individuo con il quale si era incontrato. Nel frattempo, il quarantenne udito l’alt Polizia, ha tentato una repentina fuga nel corso della quale ha strappato con i denti e disperso il contenuto di una seconda dose di cocaina. Nonostante tale tentativo di fuga, però, lo stesso è stato raggiunto subito dopo e immobilizzato e, a seguito della perquisizione personale, sono stati rinvenuti e sequestrati 3 piccoli pezzi di hashish del peso di un grammo cadauno anche questi pronti ad essere ceduti, nonché denaro contante ritenuto provento dell’illecita attività di spaccio.

La droga sequestrata

Le operazioni hanno permesso anche di recuperare e sequestrare, dalla bicicletta con cui era giunto, ulteriori 150 grammi di hashish e il classico e indispensabile bilancino di precisione.

L’uomo è stato arrestato e portato alla locale casa Circondariale. Nel pomeriggio di giovedì 23 settembre, il G.I.P. presso il Tribunale di Pesaro ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la misura cautelare della custodia in carcere.