Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, stangata Tari: +3%. Approvato all’unanimità il piano economico finanziario

Per i comuni che non hanno richiesto ai propri gestori migliorie e/o ampliamenti al servizio di igiene urbana il limite di aumento dei costi è stato fissato al 2,6%

Scorcio di Fano
Scorcio di Fano

FANO – Stangata Tari in arrivo per i residenti di Fano. Durante l’assemblea territoriale svoltasi il 14 maggio è stato approvato all’unanimità il piano economico finanziario (Pef) della Tari 2022 e pluriennale. Per i comuni che non hanno richiesto ai propri gestori migliorie e/o ampliamenti al servizio di igiene urbana il limite di aumento dei costi è stato fissato al 2,6%.

Nel caso del Comune di Fano si è anche autorizzato, perseguendo obiettivi di decoro urbano e di tutela ambientale, uno specifico incremento del 3% per maggiori somme necessarie per i seguenti servizi aggiuntivi: raccolta porta a porta imballaggi di plastica presso imprese, potenziamento raccolta manuale ed aumento frequenza pulizia nei quartieri della città, maggiori spese per aumento periodo stagione balneare, lavaggio strade zona industriale di Bellocchi per contenimento polveri sottili.

Tale potenziamento del servizio richiede un impegno finanziario complessivamente stimabile, a regime ed a costi diretti, in euro 430.000,00; cifra ridotta da ASET spa in euro 320.000,00 su richiesta del Comune di Fano tenuto conto della necessità di valutare le esigenze di famiglie ed imprese, purchè compatibili con le necessità del gestore fermo restando l’obbligo di pareggio tra costi e ricavi previsto dalla legge.

«Grazie ai risultati ottenuti perseguendo gli obiettivi di equità tributaria e contrasto all’evasione/elusione della Tari – ha affermato l’amministrazione comunale attraverso una nota – le tariffe che effettivamente saranno esaminate per l’approvazione dal consiglio comunale a fine maggio potranno essere significativamente contenute rispetto al dato percentuale del Pef; ciò poiché ai maggiori servizi e correlate spese si potrà far fronte con le maggiori entrate relative all’attività dell’Ufficio Tributi per i risultati raggiunti dal concessionario. L’amministrazione conferma il vivo apprezzamento per la qualità del servizio raccolta rifiuti svolto in house da Aset spa con piena fiducia dell’ente in virtù dei risultati raggiunti sia in termini di qualità percepita sia in termini di raccolta differenziata».

© riproduzione riservata