Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, Ruggeri (M5S) sulla complanare dimenticata: «Occasione persa dal sindaco Seri»

L’occasione per l’affondo è stata la risposta ad un’interrogazione della stessa Ruggeri da parte dell’assessore regionale Baldelli

Marta Ruggeri
Marta Ruggeri

FANO – «La complanare è un’occasione enorme persa dal sindaco di Fano, Massimo Seri». A scendere in campo in merito alla questione è il capogruppo in consiglio regionale di M5s Marta Ruggeri che critica senza mezzi termini la Giunta Seri. L’occasione per l’affondo è stata la risposta ad un’interrogazione della stessa Ruggeri da parte dell’assessore regionale Francesco Baldelli che ha però lasciato aperto uno spiraglio sulla possibilità futura di realizzare l’opera.

«Nella giornata di ieri – ha affermato l’esponente pentestellata – ho effettuato un sopralluogo, insieme con il personale di Società Autostrade, riguardo allo svincolo del casello a Fenile. È il reale punto di partenza di una complanare che risolva gli attuali problemi di traffico e di sicurezza tra Fano e Pesaro, senza avventurarsi in altre soluzioni che non rappresenterebbero una concreta alternativa alla statale Adriatica».

L’interrogazione puntava a fare chiarezza su complanare e svincolo nord dell’A14, a Fenile di Fano: due progetti nel quadro delle opere compensative. È stato ribadito in aula dall’assessore Baldelli che uno, la complanare lungo l’A14, ne è uscito definitivamente per quanto stabilito dalla convenzione del 28 ottobre 2016.

«Valuto strano – aggiunge Ruggeri – che il Comune di Fano l’abbia firmata, accettando di ritenere pienamente assolta ogni richiesta fatta in precedenza a Società Autostrade. Avremmo potuto avere la complanare senza spese e avervi rinunciato è stata una decisione che ritengo gravissima. Auspico che l’opera sia realizzata, perché riteniamo che l’A14, anche con l’eventuale nuovo casello, non sia un’alternativa sufficiente alla congestionata statale 16. I frequenti incidenti, due anche durante la settimana scorsa, sono lì a dimostrarlo in modo drammatico».

© riproduzione riservata