Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, aveva una piantagione di marijuana di 100 mq: arrestato un 26enne

Particolarmente ingegnoso l’occultamento della struttura in muratura, il cui soffitto era ricoperto di terra su cui pascolavano pecore e capre così da non essere avvistata da eventuale sorvolo di elicotteri delle forze di polizia

Una delle piante di marijuana sequestrate dai carabinieri della Compagnia di Camerino

FANO – Aveva messo su una vera e propria piantagione di marijuana e si preparava alla raccolta e alla successiva vendita dello stupefacente. I suoi piani sono stati però rovinati dall’intervento dei Carabinieri della Compagnia di Fano che, coadiuvati dai colleghi dell’aliquota operativa del N.O.R.M. di Fano, sono intervenuti in un’abitazione sita a Montemaggiore al Metauro, in via Cabaletta.

A finire in manette un 26enne albanese, regolare sul territorio nazionale: per lui l’accusa è di produzione e detenzione di ingente quantità di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Lo stesso è stato sorpreso a guardia di una piantagione ricavata in un terrapieno adiacente all’abitazione.

Particolarmente ingegnoso l’occultamento della struttura in muratura, il cui soffitto era ricoperto di terra su cui pascolavano pecore e capre così da non essere avvistata da eventuale sorvolo di elicotteri delle forze di polizia in ricognizione. All’interno della stessa vi era un complesso impianto di illuminazione, irrigazione e termoventilazione finalizzato a ricreare il microclima ideale per la crescita delle piante, impianto funzionante anche grazie al furto di energia elettrica.

La piantagione scoperta dai militari era oramai nelle fasi conclusive del suo ciclo vegetativo, tanto che sono state rinvenute solo tre piante in vaso con fusto dell’altezza di 1,5 mt, ma durante la perquisizione, estesa al modulo abitativo adiacente la stessa piantagione, sono stati rinvenuti circa 6.5 Kg di marijuana già essiccata e confezionata sottovuoto, una bilancia di precisione e tutto l’occorrente per il confezionamento.

La sostanza era quindi pronta per essere immessa sul mercato fanese. Inoltre è stato rinvenuto un apparecchio per il sottovuoto, diversi sacchetti per sottovuoto, una carabina ad aria compressa, una pistola giocattolo priva di tappo rosso, una piccola catana giapponese. Il materiale, debitamente repertato e catalogato è stato sottoposto a sequestro mentre il cittadino albanese, dopo le formalità di rito, è stato associato alla Casa Circondariale di Pesaro Villa Fastiggi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Anche questa operazione rientra nell’ambito dei mirati controlli predisposti dall’Arma finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti in un comprensorio dove il fenomeno è particolarmente sentito soprattutto nella stagione estiva, correlato al fenomeno della “movida” che gravita intorno ai numerosi locali notturni della zona. L’arresto è stato convalidato dal G.I.P. del Tribunale di Pesaro nella giornata del 20 maggio che ha disposto la custodia cautelare in carcere.