Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano piange la scomparsa di Armando Donini. Fatale al 61enne un malore

Disc jockey conosciutissimo e geologo, l'uomo si trovava nella sua abitazione a Tombaccia di Fano. Il funerale si svolgerà il 3 dicembre nella Basilica di San Paterniano

Fano piange Armando Donini
Fano piange Armando Donini

FANO – Fano piange la scomparsa di Armando Donini, spentosi nel tardo pomeriggio del 30 novembre a causa di un malore improvviso che non gli ha lasciato scampo.

Il 61enne si trovava nella sua abitazione a Tombaccia di Fano quando ha accusato il malessere. Il geologo era una persona vitale ed estroversa: peculiarità che lo avevano portato ad essere molto conosciuto e stimato da parte della comunità fanese e non solo.

Donini era molto celebre in città anche per la sua grande passione per la musica – fu uno dei disc jockey più gettonati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80 – e quella per il teatro: negli anni aveva preso parte anche a diverse pièce di commedia dialettale.

Armando Donini

Tante le persone che hanno voluto salutarlo per l’ultima volta presso la camera mortuaria dell’Ospedale Santa Croce a Fano. Tanti anche i ricordi e le frasi di cordoglio apparse sui social network: «Ti arriva la notizia e non ci credi. Chiami tutti quelli che puoi e ancora non ci credi. Scrivi questo ricordo e continui a non crederci. E’ impossibile. Armando ci ha lasciati. All’improvviso. Ti rivedo sopra i Lenco a mixare la musica funky che tanto amavi. Ciao Armando, è un dolore immenso» scrive Luca Valentini, a sua volta deejay negli anni d’oro della disco music.

«Penso che un sogno così non ritorni mai più. Grazie Armando Donini, spassoso commediante, uomo gentile di altri tempi, buon viaggio» o ancora «Io ancora nn ci voglio credere…Cugio …( ti chiamavo così) ma cosa hai combinato? Solo alcuni giorni fa ci siamo fermati io te e la Lella e abbiamo riso come matti… Sempre solare, ironico, e sorridente. No nn è possibile.!»

Il funerale di Donini, che lascia la moglie ed un figlio, si svolgerà il 3 dicembre alle 15 nella Basilica di San Paterniano, a Fano in Piazza Sansovino.