Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, parcheggi a pagamento in zona mare: un abbonamento per gli ospiti delle strutture ricettive

Verrà rilasciato un numero di permessi, dal costo unitario di 40 euro ciascuno, proporzionale al 10% dei posti letto a disposizione

spiaggia libera a Fano
Un tratto di spiaggia libera a Fano

FANO – L’amministrazione fanese corre ai ripari sul tema parcheggi a pagamento in zona mare, dopo le critiche e le lamentele per l’introduzione delle soste blu in gran parte della zona del Lido.

Il Comune sta attuando una serie di strategie per cercare di salvaguardare diverse categorie: le prime che sono state tutelate sono state quelle dei residenti e degli operatori della pesca, per cui sono state studiate modalità specifiche. Poi è stata la volta dei clienti degli stabilimenti balneari per cui il Comune di Fano ha deciso di concedere aree pubbliche da adibire a parcheggi per i villeggianti delle spiagge.

Ora l’amministrazione avrebbe individuato una soluzione volta a concedere una tipologia di abbonamento agevolato per gli ospiti delle strutture ricettive. In sostanza, alle strutture ricettive verrà rilasciato un numero di permessi, dal costo unitario di 40 euro ciascuno, proporzionale al 10% dei loro posti letto a disposizione.

Una misura che è frutto di una concertazione e un confronto con i soggetti economici interessati che tutela le esigenze delle strutture ricettive verso le quali l’amministrazione ha mostrato attenzione e sensibilità. «Dopo una serie di trattative, – conferma Luciano Cecchini, presidente Alberghi Consorziati – abbiamo trovato un punto di incontro fra le richieste degli albergatori e le prerogative dell’amministrazione. Si tratta di un intervento che cerca di accontentare tutti i soggetti chiamati in causa».

«Apprendiamo con piacere – chiosa Adolfo Ciuccoli, presidente Confesercenti Fano – che il Comune di Fano ha deciso di intervenire, siglando questo accordo. E’ un compromesso intelligente frutto della disponibilità dell’amministrazione, di Aset, dei gestori delle strutture ricettive e dei soggetti coinvolti».