Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano: maltrattamenti, minacce e atti persecutori in famiglia. Denunciato un uomo

Condannato a due anni e sei mesi di reclusione dal Tribunale di Pesaro, è stato trasferito presso l’istituto penitenziario di Villa Fastiggi

FANO – Prosegue l’impegno della Polizia di Stato contro il fenomeno della violenza di genere, sia per quello che concerne la prevenzione che la repressione. Ad essere denunciato negli ultimi giorni è stato un uomo reo di maltrattamenti verso familiari e, successivamente, di atti persecutori ai danni della convivente.

L’uomo era finito da tempo sotto la lente di ingrandimento delle autorità che, nelle indagini, si erano avvalse dell’unità specializzata per le violenze di genere. Dagli indizi acquisiti erano emersi comportamenti riconducibili a maltrattamenti di vario genere verso familiari e anche di atti persecutori da parte dell’uomo ai danni della ex convivente.

È emerso, che quest’ultima, da circa due anni, subiva, insieme al proprio figlio minore avuto da un’altra relazione, le vessazioni fisiche e psicologiche da parte dell’indagato il quale, spinto da un irrefrenabile sentimento di gelosia, ne controllava, in modo asfissiante, sia gli spostamenti che l’uso dei dispositivi telematici; il comportamento dell’uomo sfociava poi in minacce, privazioni e aggressioni verbali e fisiche rivolte anche verso il figlio della donna.

Sulla base delle risultanze delle indagini della Polizia, il Tribunale ha emesso nei confronti dell’uomo la misura cautelare dell’allontanamento e del divieto di avvicinamento alle due vittime. Ciò nonostante il predetto ha continuato a seguire la ex convivente, anche appostandosi nei pressi del suo posto di lavoro. A seguito delle ulteriori attività investigative, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari e successivamente condannato dal Tribunale di Pesaro a due anni e 6 mesi di reclusione. Conseguentemente, su ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica, gli agenti del Commissariato hanno condotto l’uomo presso l’istituto penitenziario di Villa Fastiggi.