Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, comunità stretta intorno alla famiglia Vitali: celebrato il funerale di Cinzia Gregorini

Il funerale è stato celebrato nella nuova chiesa del Carmine a Gimarra di Fano, la stessa dove quasi due anni fa la famiglia e tutta la città si era riunita per dire addio alla sfortunata adolescente. Le parole del sindaco Seri e del figlio Francesco

Cinzia Gregorini con la figlia Benedetta Vitali
Cinzia Gregorini con la figlia Benedetta Vitali

FANO – La folla della grandi occasioni si è stretta intorno alla famiglia Vitali per l’ultimo saluto a Cinzia Gregorini, la mamma di Benedetta, la 15enne fanese che ha perso la vita nella strage della discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo, l’8 dicembre 2018.

Il funerale è stato celebrato nella mattina del 25 agosto da don Gianni Petroni nella nuova chiesa del Carmine a Gimarra di Fano, la stessa dove quasi due anni fa la famiglia e la comunità fanese si era riunita per dire addio alla sfortunata adolescente. Alla cerimonia era presente anche il Sindaco Massimo Seri che ha voluto esprimere il proprio cordoglio: «Stamane abbiamo infine accompagnato Cinzia verso il suo nuovo cammino. Insieme a tutta la Comunità, mi stringo ancora a Corrado, Francesco ed Alessandro in un abbraccio forte e fraterno, ma sforzandomi di non versare lacrime, proprio come Cinzia avrebbe voluto! Voglio ricordarla attraverso i suoi sguardi penetranti, nelle espressioni del suo volto troppo segnato dal dolore. Se per noi questo lutto è ulteriore sofferenza che si aggiunge a quella della prematura scomparsa della piccola Benedetta, Cinzia forse sta già rinascendo nel ricongiungersi a lei. Oggi quindi celebriamo un abbandono ed un ricongiungimento insieme, nella morte troviamo una nuova via verso la Vita.Vita che è dono e mistero. E che va trattata con profondo rispetto. Mamma e figlia di nuovo insieme, con la certezza che in questo viaggio niente vi separerà»

La 58enne, che proprio ieri avrebbe festeggiato il compleanno, si è spenta dopo una dura lotta contro un brutto male che alla fine ha avuto la meglio. La notizia si è diffusa nella serata del 22 agosto lasciando basiti familiari e conoscenti che, in questi due anni, si erano stretti intorno alla famiglia. La donna, oltre a dover far fronte alla terribile perdita, in questi due anni ha dovuto subire anche il peso del processo che, nonostante abbia portato alla condanna della banda dello spray, non ha lenito il vuoto lasciato dalla perdita di Benedetta.

Chi ha conosciuto la 58enne sostiene che il dolore per la perdita l’ha segnata profondamente anche nella sua lotta contro questa malattia, che si è ripresentata e non le ha dato scampo.

Struggenti anche le parole affidate ai social da parte del figlio Francesco Vitali nella giornata del 24 agosto, alla vigilia del funerale: «Tanti auguri mamma. Si tanti auguri mamma, mi sarebbe piaciuto svegliarmi, come da sempre a questa parte e darti un bacio e un abbraccio. Mi sarebbe piaciuto andare a scegliere il regalo, anche se confesso era sempre un dramma io e il babbo non avevamo tante idee, con la Benedetta era più facile. Non voglio dilungarmi troppo, domani ti dirò qualcosa in più. Oggi ti volevo solo fare tanti auguri di buon compleanno ad una mamma speciale, ad una mamma che ha messo sempre l’amore dei propri figli davanti a tutto, una mamma che mi ha insegnato tanto.. alla mia mamma.Nonostante questo vuoto incolmabile, buon compleanno mammina, ti amo».