Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, buone notizie al Cante di Montevecchio: ospiti e personale negativi al Covid-19

L'allarme era scattato lo scorso 8 luglio quando un'anziana era stata trovata positiva al covid-19. La Direzione: «Esprimiamo un vivo senso di sollievo e, nel ringraziare tutti coloro che ci hanno messo nelle condizioni di risolvere la questione il prima possibile»

Cante di Montevecchio
Cante di Montevecchio

FANO – Buone notizie per la Onlus Cante di Montevecchio di cui è parte la Residenza Protetta per anziani Giovanni Di Bari: ospiti e personale infatti sono risultati tutti negativi al Covid-19 dopo lo screening disposto dal Dipartimento di Prevenzione dell’Area Vasta 1.

Gli accertamenti si erano resi necessari dopo che un’ospite, lo scorso 8 luglio, era risultata positiva al tampone richiesto dal medico della RP per la ricerca del SARS-CoV-2. Una vera e propria doccia gelata che
aveva gettato di nuovo l’ombra di un ritorno dell’emergenza pandemica sulla struttura e su tutta  la città di Fano.

Subito era scattato il protocollo di sicurezza: l’anziana era stata trasferita in una struttura per casi positivi ed era stato chiesto uno screening complessivo di ospiti e personale della Onlus.

Ora però gli anziani della struttura, i loro familiari e gli operatori possono tirare un sospiro di sollievo: nella giornata del 23 luglio sono stati comunicati gli esiti dell’ultima tranche di tamponi che hanno confermato la negatività di tutti gli ospiti e di tutto il personale dipendente dell’Associazione. Buone notizie anche per la signora risultata positiva che si trova in buone condizioni di salute e sarà presto riaccolta presso la struttura Giovanni Di Bari.

Comprensibile soddisfazione da parte della direzione della Onlus e della Residenza Protetta: «Esprimiamo un vivo senso di sollievo e, nel ringraziare tutti coloro che ci hanno messo nelle condizioni di risolvere la questione il prima possibile, cogliamo l’occasione per annunciare la ripresa delle procedure di inserimento di nuovi ospiti».