Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, botta risposta tra Papalini (Confindustria) e il sindaco Seri sulla TARI

Il presidente aveva elogiato l'amministrazione di Pesaro e criticato quella fanese sulla diminuzione della tassa rifiuti. La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere

Massimo Seri
Massimo Seri

FANO – Botta e risposta tra Mauro Papalini, presidente di Confindustria Marche Nord ed il sindaco di Fano Massimo Seri. Oggetto della discordia la riduzione della Tari per le imprese che hanno avuto diminuzioni di fatturato superiori a un terzo rispetto al volume d’affari del 2020 decisa dal sindaco di Pesaro definita da Papalini: «coraggiosa e in linea con le richieste delle imprese».

A far saltare la mosca al naso al primo cittadino della città della Fortuna è stato il prosieguo dell’intervento del rappresentante di Confindustria: «Mi auguro che anche il sindaco di Fano prenda una decisione analoga» che aggiunge in merito alla scelta della giunta pesarese – «in linea con quanto i rappresentanti del G10 (il tavolo di raccordo tra tutte le associazioni economiche della provincia, ndr.) hanno proposto al sindaco Massimo Seri: riconsiderare il calcolo della Tari, da parte di tutti i Comuni, secondo criteri che tengano conto della differente destinazione d’uso delle superfici, assicurerebbe la parità di condizioni tra le imprese della provincia».. Secondo Papalini, «quella di Matteo Ricci è una scelta che va inserita fra le buone prassi per favorire la ripresa dell’economia».

Non si è fatta attendere la replica del sindaco di Fano che ha voluto puntualizzare come, durante la sua amministrazioni, interventi analoghi siano già statti messi in campo nel 2020: «Ringrazio il presidente di Confindustria per l’invito, ma forse gli è sfuggito che la nostra amministrazione avesse previsto una riduzione della Tari già a luglio 2020».

«Non è nel mio stile fare raffronti con altre realtà locali, – prosegue Seri – ma visto che sono stato tirato in ballo, ritengo opportuno fare alcune precisazioni su quanto ha affermato il presidente di Confindustria. La nostra amministrazione è sempre stata vicina al mondo imprenditoriale, interpretandone i bisogni e accogliendone le necessità in un momento particolarmente delicato, segnato dalle conseguenze drammatiche della pandemia. Non a caso, a luglio 2020, attraverso una delibera del consiglio comunale abbiamo previsto un contributo Tari del 25% della quota variabile nei confronti di tutte quelle imprese che avevano registrato una flessione del fatturato pari al 25% rispetto al 2019. Sono state sicuramente maggiori le aziende fanesi che hanno riportato un calo del volume d’affari attraverso il confronto con il 2019, in controtendenza a Pesaro che ha composto il paragone mettendo come criterio la riduzione del fatturato del 2021 rispetto al 2020, anno in cui le aziende per mesi sono state costrette alla chiusura. Quindi siamo felici che il nostro intervento sia stato ripreso con le medesime modalità dalla città di Pesaro».

La questione permette a Seri di ampliare il ragionamento e di approfondire il tema legato alla riforma degli strumenti finanziari destinati agli enti territoriali, affinché vengano stabilite nuove modalità di accesso: «Da settimane sostengo che sia ingiusto che molti canali di finanziamenti siano disponibili solo per città capoluogo. E’ opportuno che sia garantita la possibilità d’accesso a tutti i comuni, tenendo conto delle caratteristiche demografiche e geografiche. Queste oggettive disparità, che non sono questione di lana caprina, di status o di invidia nei confronti delle città capoluogo, costituiscono vere e proprie ingiustizie che poi si riverberano su cittadini e imprese, con il rischio di frenare la futura ripartenza sociale ed economica. Serve maggiore tutela anche nei confronti delle città medie».