Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, l’amministrazione a sostegno di oltre 300 famiglie

Il contributo rappresenta un supporto economico ai nuclei in locazione che si trovano in difficoltà con il pagamento dei canoni. Tinti:« Un sollievo nell’affrontare un futuro sempre più incerto»

Centro storico di Fano
Centro storico di Fano

FANO – L’emergenza pandemica che perdura da un anno è sfociata inevitabilmente anche in crisi economica: sono tante le famiglie che, a causa delle chiusure e dei divieti, resi necessari per arginare il diffondersi del Covid, hanno avuto ripercussioni anche gravi nei propri portafogli.

Proprio in virtù di questa constatazione, l’amministrazione fanese ha messo in campo una serie di strategie volte a sostenere e aiutare coloro che hanno sentito più di altri il disagio causato dalla pandemia. Tra queste, un sostegno per il pagamento degli affitti tra coloro che hanno fatto domanda al bando per l’anno 2020. I destinatari saranno circa 300 nuclei familiari.

Le risorse rientrano nel fondo nazionale (ex L. 431/1998 art. 11) ripartito dalla Regione Marche ai Comuni per assicurare un sostegno economico alle famiglie in locazione che si trovano in difficoltà con il pagamento dei canoni.

Con determina del 1° marzo 2021 del Dirigente del Servizio Sociale Associato ATS n. 6, infatti, è stata approvata la relativa graduatoria che, rispetto all’anno 2019, contempla ben 129 famiglie in più che godranno del beneficio, per un totale complessivo di 183.210,49 euro erogati dal Comune di Fano.

Dimitri Tinti, assessore al Welfare
Dimitri Tinti, assessore al Welfare di Fano

«Le risorse dalla Regione sono state trasferite al Comune solo alcuni giorni prima di Natale e non c’erano più i tempi tecnici per accertare e liquidare le somme entro fine anno – tiene a precisare l’assessore al Welfare di Comunità Dimitri Tinti – Non appena è stato approvato il nuovo bilancio da parte del Consiglio Comunale, gli uffici si sono subito attivati con l’assunzione degli atti propedeutici e necessari alla liquidazione».

Tale misura andrà a soddisfare diverse centinaia di famiglie ammesse nella misura del 26% del contributo massimo concedibile a ciascuna, calcolato sulla base dell’incidenza del canone annuo sul valore I.S.E.E. 2020. Tra le domande pervenute, per varie motivazioni, solamente 28 sono state escluse dalla graduatoria.

Nello specifico i beneficiari sono stati suddivisi in 2 fasce. Nella fascia A, con un valore ISEE inferiore a 5.977 Euro, sono 200 i richiedenti che riceveranno un contributo unico che può arrivare fino a 793 Euro. Nella fascia B, con valore ISEE non superiore a 11.955 Euro, sono 100 coloro che usufruiranno di un sostegno che può arrivare fino a 397 Euro. Gli importi variano a seconda delle mensilità di locazione effettivamente pagate e verranno direttamente erogati sul conto corrente indicato dai beneficiari.

«E’ una misura significativa per sostenere un cospicuo numero di famiglie che si trovano più in difficoltà anche nelle spese essenziali a dimostrazione di un bisogno crescente determinato anche dalla situazione che stiamo vivendo – aggiunge l’assessore Tinti – Con l’intento di essere vicini come amministrazione vogliamo mandare un segnale di attenzione in un periodo particolarmente delicato affinché le famiglie possano ricevere un sollievo nell’affrontare un futuro sempre più incerto».