Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Fano, allarme strade sicure: 4 incidenti in 10 ore: «Servono telecamere e dissuasori della velocità»

Tante, troppe, le arterie che sempre più spesso sono teatro di incidenti di vario genere. Una prerogativa che aveva contraddistinto anche le aperture dell’estate 2020 e che era stata denunciata sia dalle forze politiche che dai cittadini

FANO – Tra i (pochi) effetti benefici del lockdown c’è stato sicuramente il crollo verticale dei sinistri. Il motivo è di facile comprensione: meno veicoli in giro, meno incidenti. Ora però che anche la Città della Fortuna sta assaporando il ritorno alla normalità, è tornato in auge il problema della sicurezza stradale. Tante, troppe, le arterie che sempre più spesso sono teatro di incidenti di vario genere. Una prerogativa che aveva contraddistinto anche le aperture dell’estate 2020 e che era stata denunciata sia dalle forze politiche che dai cittadini.

Particolarmente nera la giornata dell’11 giugno che ha fatto registrare nel giro di appena 10 ore almeno quattro sinistri degni di nota, uno anche con conseguenze gravi. Due incidenti si sono consumati a Bellocchi a poca distanza di tempo l’uno dall’altro: nel primo caso a scontrarsi sono stati due 15enni in sella ai loro motocicli nei pressi della rotatoria di via Einaudi a Bellocchi. Per uno dei due è stato necessario il trasporto in 118 all’Ospedale Santa Croce.

Circa un’ora più tardi un altro minore è dovuto ricorrere ai sanitari: un 15enne, in sella ad un motociclo, si è schiantato contro un 70enne al volante della sua Citroen.

Altro sinistro della giornata si è verificato tra una Volkswagen e una Smart, all’altezza dell’intersezione tra le vie Monte Nerone e Fornace e l’Interquartieri: in questo caso si è trattato di un urto frontale anche violento che però non ha avuto conseguenze serie per i due conducenti che non hanno riportato lesioni gravi.

Lo schianto più grave è invece avvenuto a Fosso Sejore, sulla statale, dove una diciassettenne pesarese avrebbe perso il controllo dello scooter rendendo anche in questo caso necessario l’intervento del 118.

«Servono telecamere e dissuasori della velocità – commenta un cittadino residente a Bellocchi – spesso sembra di assistere a gare di motociclismo vista la velocità e le manovre spericolate che spesso vengono fatte dai più giovani. Se l’amministrazione non prende provvedimenti in tempi celeri purtroppo gli incidenti aumenteranno nei prossimi mesi».