Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Coronavirus e storie di chi riconverte, la Noctis di Pergola: «10 mila camici e mascherine al giorno»

Il titolare Priori: «Non potevamo stare fermi di fronte a questa emergenza». Cambio di produzione anche per Mdf di Pesaro e Domingo Salotti, impegnati nella realizzazione di mascherine

La fabbrica di Noctis

PERGOLA – Riconvertire la produzione in tempi di Coronavirus. Noctis spa, azienda di Pergola leader italiana nella produzione di letti tessili, annuncia di aver attivato in queste ore una linea di produzione di mascherine e camici igienico sanitari per le varie esigenze della popolazione in questo periodo di emergenza.

Anche Mdf Tappezzerie di Pesaro ha fatto lo stesso, così come Domingo Salotti.

«Non possiamo rimanere fermi di fronte alla grande e preoccupante carenza di strumenti di protezione necessari per limitare il contagio, di cui ogni giorno apprendiamo dagli organi di stampa. Questo mi ha spinto a decidere di non fermarci continuando a lavorare per impostare una nuova linea di produzione dedicata alla fabbricazione di mascherine e camici protettivi – spiega Piero Priori, fondatore e presidente di Noctis spa -. Siamo in contatto con gli organi statali e la comunità locale per mettere da subito a disposizione quanto da noi prodotto dando priorità alle situazioni di grande difficoltà».

Noctis è una realtà pergolese che occupa 150 dipendenti di cui oltre il 60% donne, per un indotto complessivo che tocca oltre 200 famiglie e che da anni è uno dei motori trainanti dell’economia pergolese. L’azienda dispone della più innovativa tecnologia per la produzione di articoli tessili, fondamentale per le particolari esigenze di questo momento.

Priori, titolare della Noctis di Pergola

«Non è semplice reperire la merce, organizzare i trasporti, ma abbiamo comunque al momento una capacità produttiva di circa 10.000 pezzi al giorno tra mascherine e camici che puntiamo almeno a triplicare nel breve», spiega Mattia Priori, responsabile dell’organizzazione aziendale. “ «Questo è possibile grazie alla disponibilità riscontrata in tutti i dipendenti coinvolti, a cominciare dai nostri manager, passando per il reparto progettazione, produzione e magazzino. Un grazie particolare al nostro capo tagliatore Andrea e alle cucitrici che sono il cuore della nostra attività».

Noctis spa adotta tutte le precauzioni necessarie per un lavoro in sicurezza attraverso un protocollo interno attivo già dal 2 marzo che include la sanificazione degli ambienti. L’azienda informa che questa nuova linea di produzione è stata affidata al manager pesarese Enrico Donati e che le mascherine attualmente prodotte vengono realizzate con materiali certificati. Per le stesse è stato avviato il processo di certificazione con l’Istituto superiore della sanità.

Le consegne sono già attive e Noctis spa ha creato un apposito canale per le richieste che possono essere effettuate da subito solo via mail all’indirizzo: n-mask@noctis.it.

Anche Mdf Tappezzerie, azienda pesarese, ha già avviato la produzione. «Per far fronte alla difficoltà del momento di reperibilità di mascherine abbiamo deciso di convertire il nostro laboratorio per la produzione di mascherine ad “uso libero” in tnt (tessuto non tessuto). Sono mascherine a doppio strato con una pesantezza totale di 200 grammi fatte con materiale atossico, traspirante e idrorepellente. Per ricevere la scheda tecnica e per ogni informazione sentiamoci al telefono: 329 015 2062».

La consegna delle mascherine realizzate da Domingo Salotti alla Protezione civile

Anche Domingo Salotti sta riconvertendo. «Stop alla produzione di divani, al via il confezionamento di mascherine – dicono -. In questi giorni difficili mettiamo a disposizione la forza della nostra artigianalità per la collettività. Abbiamo consegnato 1000 mascherine alla Croce Rossa e altre 500 alla comunità di Colombarone che la Protezione civile distribuirà porta a porta. Domingo ha sede a Colombarone sin dalle origini della sua storia, ed è felice di contribuire con un piccolo dono, utile a rendere meno difficile questo periodo buio».