Centro Pagina - cronaca e attualità

Pesaro

Coldiretti Pesaro Urbino: «Oltre 2 mila kg di generi alimentari per le famiglie bisognose»

Calevi e Di Sante: «Vogliamo dare un segnale alle fasce deboli. Nei pacchi viveri e prodotti agroalimentari 100% made in Italy»

I pacchi viveri in consegna a Pesaro da parte della Coldiretti

PESARO – Altri 2mila chili di generi alimentari di altissima qualità per le famiglie bisognose. Continua, con la collaborazione di Donne Impresa, Giovani Impresa e Campagna Amica di Coldiretti Pesaro Urbino, la distribuzione dei pacchi della solidarietà sul territorio Pesarese per sostenere la comunità in questa perdurante crisi pandemica.

«L’iniziativa – spiega Claudio Calevi, direttore di Coldiretti Pesaro Urbino – si inserisce nell’importante azione di solidarietà promossa da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese per dare un segnale di speranza alle fasce più deboli della società, soprattutto in questo momento di nuovi timori per il futuro con la pandemia Covid che è tornata a fare paura per la variante Omicron».

Nei pacchi della solidarietà sono contenuti prodotti agroalimentari 100% Made in Italy: dalla pasta ai legumi, dalla passata di pomodoro al prosciutto crudo, dalla farina al Grana Padano e al Parmigiano Reggiano, dal Provolone al latte, dall’olio extravergine di oliva alla mortadella, dalla carne in scatola ai biscotti per bambini e agli omogeneizzati. «A livello nazionale dall’inizio della pandemia – ricorda il presidente Di Sante di Coldiretti Pesaro Urbino – sono oltre 6 milioni i chili di prodotti tipici Made in Italy, a chilometro zero e di altissima qualità, distribuiti dagli agricoltori di Coldiretti Campagna Amica per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi. I pacchi della solidarietà saranno distribuiti sul territorio Pesarese direttamente alle famiglie bisognose, con la collaborazione della protezione civile, e con i sevizi sociali dei Comuni, agli Empori Caritas, e alle Parrocchie».